mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Attualità > Una serata all’ U Brecche di Alassio per ricordare Radio Liguria ed il Twenty Five

Una serata all’ U Brecche di Alassio per ricordare Radio Liguria ed il Twenty Five

Sarà la “Città del Muretto” ad ospitare questa sera (all’ U’ Brecche, inizio alle ore 22) il revival di ricordi dedicato a due delle realtà culturali, artistiche e giornalistiche più importanti della storia di Albenga negli anni Settanta: Radio Liguria International ed il Twenty Five. Nell’ epoca in cui in tutta Italia proliferavano le radio Libere anche Albenga ebbe la sua prima radio: era il 10 gennaio del 1976 e ad aprire i programmi fu Gualtiero Marras. All’ inizio le trasmissioni furono diffuse da un appartamento in via Nazario Sauro, successivamente si trasmise dal Monte, alla Casa Rossa. I primi a collaborare con Radio Liguria, e farla nascere, furono lo stesso Marras, Gianfranco Gollo, Stefano Pezzini, Luana Porta, Patrizia Zuccolini, Paola Davoli, Tonino Puliga, Roberto Bani, Lucia Curella, Lucia Zuco, Tony Francavilla, Gianni D’Emelis, Mileno Isoleri, Rinaldo Feliciano, Mosca, Pinuccio Camoirano, Angelo Bianco, Rosanna Francavilla e Silvana Minucci. In un secondo tempo arrivarono Marco Semeria, Armando Silvestri, Marco Pezzini e Rinaldo Agostini. Con il traferimento alla Casa Rossa, voluto da Bruno Giallombardo, dalla famiglia Biamonti, da Baruscotto e Ferrando, si aggiunsero Rosanna Cattaneo, Franco Plutino, Francesco Florio, Carlo Cori, Claudio Almanzi, Eleonora Mattei, Patrizia Fanfani e Claudio Sottili, proveniente da Radio Montecarlo. Sottili era militare ad Albenga e nella radio ingauna concepì programmi di successo che poi esportò in altre radio e televisioni. Alla Casa Rossa arrivarono dei giovanissimi Matia Bazar, Cristiano Malgioglio, Ivan Graziani, Umberto Tozzi e molti altri divi del tempo, le cui case discografiche spronavano ad andare in giro per l’ Italia per promuovere i propri dischi. Il “Twenty Five” invece per molti anni fu il locale più alla moda di Albenga. Situato nel palazzo “Viveri”, al di là del Ponte Rosso, era gestito dalla famiglia Cataneo nell’ambito dell’ esercizio alberghiero Derf (acronimo dei quattro giovani figli dei Cataneo: Dino, Enzo, Rosanna e Fabietto). Ad un certo punto si è specilizzato nella musica jazz ed ha avuto ospiti i più validi artisti e jazzisti italiani di quegli anni.

A condurre la serata, in ricordo dei vecchi tempi, all’ U’Brecche di Alassio sarà lo stesso Fabietto Cataneo che intevisterà anche alcuni protagonisti di quell’epoca d’oro delle radio e del divertimento ingauno. Ci saranno speakers radiofonici, giornalisti, musicisti, personaggi del mondo spettacolo, per ricordare quella fantastica avventura giovanile. La serata sarà una festa aperta a tutti, anche a coloro che furono spettatori dei mitici concerti al Twenty Five, o ascoltatori di quella prima radio libera albenganese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *