lunedì, Marzo 25, 2019
Home > Attualità > Unioni civili: questioni non negoziabili

Unioni civili: questioni non negoziabili


di - 9 Marzo 2016, 18:00

di Lorenzo Ivaldo

Il 12 dicembre 1935, il nazismo, aveva fondato la Lebensborn eingetragener Verein (Società registrata “Fonte di vita”) che aveva con oggetto sociale quello di costringere donne dolicocefale bionde ad accoppiarsi con maschi dolicocefali biondi e con gli occhi celesti al fine di incrementare il numero dei nati tedeschi di “pura razza ariana”. I bambini nati da queste relazioni venivano, subito dopo la nascita, sottratti alle madri per essere allevati in speciali collegi gestiti dallo Stato. E’ stato il primo caso della storia (almeno per quanto ne so) di utero in affitto gestito su scala nazionale.
Ho esordito con questa citazione storica su un tema che è stato oggetto di un grande dibattito con punte di asprezza molto vivaci ed acute.
Il Senato, la settimana scorsa, ha approvato un testo di legge sui cosiddetti “diritti civili” da cui era stato stralciato l’articolo che disciplinava la cosiddetta stepchild adoption (letteralmente “l’adozione del figliastro”). Cioè, ha lasciato intatto il divieto che impedisce, in una copia omosessuale, al compagno di adottare il figlio del partner.
Va detto però che la discussione, in proposito, verteva non tanto sul fatto letterale della stepchild adoption, quanto sulla legittimità che una copia omosessuale composta di due maschi possa adottare un figlio di cui uno dei due sia il padre biologico, attraverso l’attuazione del cosiddetto “utero in affitto”.
Anche se tale pratica in Italia è vietata, consentendo la stepchild adoption, qualora si riesca, all’estero, a legalizzare l’adozione del figlio generato da una donna compiacente, anche in Italia si potrebbe ottenere l’adozione del figlio del partner.
E’ a questo proposito che mi permetto di sollevare alcune considerazioni per me fondamentali.
1) Premetto che la regolamentazione dei diritti civili per le coppie di fatto, siano esse etero od omosessuali, ritengo sia un fatto di civiltà sul quale dovremmo essere tutti d’accordo.
2) Io sono un cattolico e come tale ritengo, per me, vincolante quanto previsto dal canone 1013 par. 1 del Codex Iuris canonici, il quale dice che “Matrimonii finis primarius est procreatio atque educatio prolis, secundarium mutuum, adiutorium et remedium concupiscentiae”. Io invertirei solamente la seconda proposizione con la prima e direi “… Due persone si sposano per formare una unità sociale che abbia come fine l’amore (spirituale e fisico), l’aiuto reciproco e successivamente mettere al mondo dei figli e farli crescere bene…”.
Io sono un vecchio e, quindi, ho difficoltà a capire tante cose che oggi fanno parte della sensibilità contemporanea. Tuttavia a me non danno fastidio le coppie omosessuali e penso (da sempre) che abbiano diritto di vivere la loro vita alla luce del sole senza essere oggetto di discriminazioni o di avere diritti negati.
Ritengo, però, che la pratica dell’utero in affitto sia una questione che non debba essere permessa !
In una trasmissione televisiva ho ascoltato un docente dell’Università Cattolica di Milano (di cui, purtroppo, non ricordo il nome) che ha usato un’espressione molto felice. Ha detto che la pratica dell’utero in affitto riduce il corpo umano ad una “sommatoria di organi”. Viene meno cioè quella considerazione della persona come un unicum nato da una combinazione di gameti maschili e femminili forniti da due persone che si uniscono coscientemente e felicemente per dare vita ad un miracolo che è quello della nascita di una vita che porta entrambi i caratteri dei suoi genitori. In una coppia omosessuale, qualunque, sia la tecnica usata per generare un figlio (utero in affitto se sono due maschi, oppure inseminazione eterologa se sono due femmine), mancherà una parte dei cromosomi che danno la caratteristica del figlio: l’incontro fra il gamete maschile ed il gamete femminile dei genitori. Cioè il figlio di questa coppia sarà sempre privo di una parte di sé. Io spero che nessun voglia sostenere che è meglio l’utero in affitto (per il quale c’è un riferimento biologico ad un solo genitore) rispetto alla adozione di un figlio rimasto orfano o abbandonato, per il quale non ci sarà nessun riferimento biologico ai genitori adottivi. Un bambino, rimasto orfano, che viene adottato trova due genitori che cercano di fargli superare la disgrazia di essere rimasto orfano. Mentre il figlio generato con l’utero in affitto è un bambino cui viene sottratta la madre o il padre non appena è nato, per un motivo puramente egoistico di chi ha programmato la sua nascita e le conseguenze di questa.
Se noi prescindiamo dal considerare la persona umana come un unicum irripetibile che nasce dal rapporto fra uomo e donna illuminato da una scintilla di fuoco divino, ci avviamo a considerare la singola umanità non più come un fine ma come un mezzo. Quando l’uomo viene considerato non più come fine per se stesso ma come mezzo diventa uno strumento per fare la guerra (i soldati), per fare la produzione agricola o industriale (i lavoratori), per fare ogni altra attività utile allo sviluppo sociale. E’ la visione Hegheliana della società, tipica di tutte le dittature: di quella nazista, come di quella comunista.
Occorre essere molto attenti alle conseguenze delle decisioni che coinvolgono i bambini, perchè si comincia sempre con gli ideali e si si finisce con gli assassini che ne fanno uno strumento per donazione di organi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *