domenica, novembre 19, 2017
Home > Politica > Vaccarezza sull’approvazione delle due leggi a tutela del comparto balneare

Vaccarezza sull’approvazione delle due leggi a tutela del comparto balneare



di Redazione - 1 novembre 2017, 11:16

Sono state approvate durante la seduta del Consiglio Regionale della Liguria due Proposte di Legge e un Ordine del Giorno a tutela del comparto balneare ligure di cui Angelo Vaccarezza, Capogruppo di Forza Italia, è primo firmatario: due provvedimenti che riconoscono la specificità del settore, prolungano le concessioni e danno garanzie per il futuro.
«Oggi abbiamo fatto un passo molto importante per la difesa del settore dalla scorretta applicazione della Direttiva Bolkestein – spiega Vaccarezza – con il provvedimento 156 “Qualificazione e tutela dell’impresa balneare”, approvato all’unanimità, tutta l’Assemblea riconosce e qualifica il balneare ligure come una figura concreta, che rende dignità a uno dei nostri settore chiave di sviluppo economico.
Dopo un lungo lavoro di squadra condiviso con tutti i soggetti interessati, a partire dalle associazioni balneari, siamo riusciti a produrre due misure concrete e ampiamente condivise».
La Proposta di Legge 157 “Disciplina delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico ricreative” è stata approvata con 23 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti.
«Questo secondo provvedimento – sottolinea il Consigliere Regionale – entra nel merito dell’applicazione della Direttiva Servizi Bolkestein, e si fonda su un principio fondamentale: il diritto di prosecuzione della concessione in capo all’attuale concessionario con una estensione dell’attuale concessione per un periodo non inferiore a 30 anni e con la successiva uscita dagli effetti della Direttiva Servizi a seguito della sua corretta applicazione».
L’ultimo atto è rappresentato dall’Ordine del giorno firmato da Vaccarezza e dal collega Consigliere Claudio Muzio in cui si chiede alla Giunta e al Presidente Giovanni Toti di farsi parte attiva per con ogni azione possibile affinché il DDL del Governo nella sua attuale stesura, non ottenga l’approvazione.
«Oggi la Regione Liguria è capofila in Italia nella difesa del settore balneare – conclude il Presidente del Gruppo Consiliare Forza Italia – siamo i primi ad aver varato due leggi che affrontano il tema del prolungamento delle attuali concessioni di trent’anni, che danno garanzie concrete a chi in questo settore ha investito, riconoscendo dignità ad una professione che fa parte della storia, della cultura e dell’economia della Liguria.
Ribadisco: non permetteremo che gli imprenditori diventino illegittimi a casa loro, perché sulle concessioni, legittimamente ottenute, hanno costruito aziende e creato lavoro, motore della nostra economia, a seguito delle garanzie che lo Stato dava loro.
Non lasceremo che le oltre tremila aziende liguri vengano spazzate via a causa di un DDL superficiale, inutile e estremamente dannoso per tutte le regioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *