giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Vada pur bene il reddito di cittadinanza, ma le nostre scuole continuano a crollare, prive di controlli e di manutenzione ordinaria.

Vada pur bene il reddito di cittadinanza, ma le nostre scuole continuano a crollare, prive di controlli e di manutenzione ordinaria.

Il recente fatto dei giorni scorsi, del crollo del soffitto in una scuola materna nel napoletano non è che uno dei tanti episodi, qualora ce ne fosse bisogno, che testimonia di come le nostre scuole (materne, elementari e medie), siano insicure e prive di controllo e di manutenzione ordinaria e straordinaria. Nell’ultimo fatto a cui faccio riferimento, alcuni alunni sono stati feriti dai calcinacci, insieme ad una maestra di sostegno, incinta. Mi sembra perlomeno giusto e corretto parlare di precise responsabilità in un paese, come il nostro, ove tutti restano impuniti ed ove continua ad esistere uno scarico di responsabilità davvero allucinante. In questo preciso caso a chi vanno addebitate le colpe? Al comune, alla ditta che ha effettuato i lavori, alla sovraintendenza scolastica regionale o anche al dirigente scolastico della scuola a cui, a mio avviso, spetterebbe avere il primo controllo concernente la sicurezza dei propri allievi, a costo di chiudere l’istituto e bloccare il regolare svolgimento delle lezioni, quando venga ad emergere qualche possibile e latente pericolo. Chi paga i danni, compresi quelli fisici e psicologici derivanti da tali crolli. Crolli che testimoniano, come le indagini fino ad oggi fatte, dimostrano eloquentemente, che le nostre scuole, almeno il 50%, sono insicure e, per certi aspetti, pericolanti. Ma vorrei capire, a chi spetta e compete certificare ed attestare la totale ed assoluta sicurezza degli edifici scolastici? Chi firma deve prendersi le conseguenti responsabilità e pagare di tasca propria, galera compresa, qualora si vengano a verificare eventi disastrosi. Che le nostre scuole siano poco sicure, è fatto noto a tutti e di cui se ne parla da anni. Le promesse dei vari governi e gli stanziamenti fatti, che fine hanno fatto? È possibile che non venga fatta una mappa precisa e dettagliata delle più importanti priorità relative alla sicurezza. Ma le famiglie ed i genitori degli allievi, che si preoccupano di dare ai propri figli anche il sapone e la carta igienica da portare a scuola, perché essa non ne ha le risorse, non si rendono conto dei pericoli che corrono i loro marmocchi andando in aule insicure ove il tetto o gli intonaci possono loro cadere in testa da un momento all’altro? Perché i genitori non prendono loro stessi i provvedimenti che possono ritenere più opportuni fino al punto di non mandare più i loro figli a scuola e denunciare chi di dovere? Inutile piangere e lamentarsi quando accade il fattaccio. Occorre pensarci prima e non fare come gli struzzi. Nessuno pensa ad un possibile terremoto (ci siamo dimenticati troppo in fretta quanti morti negli anni passati), quante nostre scuole rispondono ai requisiti di sicurezza antisismica? Inutile e sciocco preparare dei piani di evacuazione, all’interno delle scuole (che magari nemmeno ce l’hanno). Quando il soffitto crolla in un attimo, all’improvviso per una scossa tellurica, c’è ben poco da evacuare. Diciamo pure che anche da parte delle famiglie esiste molta superficialità, che dovrebbero pretendere la sicurezza per i propri figli. Abbiamo, almeno si spera, i soldi per il reddito di cittadinanza ma, decisamente, non quelli per affrontare una volta per tutte il problema gravissimo e insoluto della sicurezza delle nostre scuole, alcune delle quali, marce come funghi, prive come dicevo di sapone per lavarsi o della carta igienica e senza la possibilità di fare nemmeno una fotocopia. Ma se vogliamo parlare di sicurezza, pensiamo al fatto che nelle scuole oggi può entrare chiunque, anche armato fino ai denti e fare stragi, come spesso accade, in altri paesi, America compresa. La mancanza di personale di assistenza (portieri, bidelli, ecc.), lascia entrata libera a tutti ad ogni ora. Qualunque male intenzionato può entrare, recarsi nelle aule e fare ogni sorta di cattiveria. Questa è la sicurezza? Ma, ripeto, alle famiglie va tutto bene. Chi risponderà in caso di fattacci? I dirigenti scolastici, molti dei quali, pensano a rubacchiarsi gli alunni, pur di tenere in vita il loro istituto, pensano a tutto questo o no?

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *