martedì, novembre 20, 2018
Home > Attualità > Vado Ligure, inaugurata la mostra dei cimeli della Prima Guerra Mondiale

Vado Ligure, inaugurata la mostra dei cimeli della Prima Guerra Mondiale


di Selena Borgna - 8 novembre 2018, 16:13

E’ stata inaugurata presso Villa Groppallo a Vado Ligure, alla presenza del vicesindaco Fabio Falco, degli organizzatori della manifestazione e di numerosi cittadini, una mostra di cimeli autentici appartenuti ai soldati della Grande Guerra.

“Abbiamo organizzato molti eventi riguardanti la Prima Guerra Mondiale nei due comuni in cui gestiamo le biblioteche, Vado Ligure e Quiliano”, dichiara una degli organizzatori dell’evento, “e per noi sono tutti ugualmente importanti. Spero sinceramente che qui vengano tante scuole per la particolarità del tema trattato e ringraziando i presenti voglio ricordare che la mostra è curata da Sandro Bocchino e alcuni pezzi esposti provengono dalla sua collezione”.

Stessa soddisfazione da parte di Fabio Falco, vicesindaco di Vado Ligure :”Ringrazio gli organizzatori e voglio dire che domenica l’amministrazione ha ricordato l’anniversario della fine della Grande Guerra senza dimenticare i caduti. E’ molto importante ricordare perchè questa guerra ha avuto un importante impatto su tutto il secolo scorso e proprio le conseguenze di questo conflitto hanno portato alla Seconda Guerra Mondiale. All’epoca quasi tutte le famiglie italiane avevano una persona cara al fronte o nei casi più gravi un caduto e purtroppo la storia del 900, nelle scuole, non viene approfondita come merita. Eventi come questo sono importanti perchè è giusto ricordare e questa mostra dà la possibilità di vedere cimeli autentici, capire cos’è stato il conflitto e fare in modo che brutalità di questo genere non si ripetano”.

“Ringrazio tutti i presenti, l’amministrazione comunale e anche coloro che hanno messo a disposizione i reperti perchè, troppo spesso, i parenti buttano via i ricordi di questo genere”, sottolinea Sandro Bocchino, “e la mostra mi ha fatto tornare indietro alla mia infanzia perchè mio nonno mi raccontava di questa guerra e per la prima volta ho studiato la storia non dai libri di scuola ma da qualcuno che l’ha fatta e vissuta direttamente. Lui era nei carabinieri e questo corpo era purtroppo malvisto perchè era una sorta di polizia militare ed proprio da lui ho sentito fatti che nei libri non sono presenti. Anche per mio nonno la Grande Guerra era la Quarta Guerra d’Indipendenza che ha compiuto l’unità d’Italia iniziata nel 1848 quando il Piemonte ha aiutato Milano dichiarando guerra all’Austria e nel 1866 il Veneto e Venezia sono diventati italiani mentre nel 1870 è avvenuta la presa di Roma. I ragazzi dell’epoca erano impastati di Risorgimento e volendo emulare i nonni si sono visti subito 200.000 volontari ma presto si è capito che i nostri soldati possedevano solamente l’entusiasmo e gli armamenti erano rimasti quelli del Risorgimento. Le armi in possesso degli avversari erano sconosciute ai soldati italiani e gli ufficiali avevano la mentalità risorgimentale per la quale il soldato era considerato carne da cannone. Dopo le decimazioni e con la disfatta di Caporetto Cadorna venne silurato in quanto simbolo della casta perchè all’epoca la casta erano gli ufficiali non i politici e fu sostituito da Armando Diaz che portò l’Italia alla vittoria. La storia del 900 viene studiata quando ci sono gli esami e proprio per questo viene spesso trascurata perchè non è quasi mai materia d’esame ma ho notato, nel 2011, ad una mostra riguardante l’Unità d’Italia presso l’atrio del palazzo comunale di Savona come i ragazzi delle scuole fossero molto curiosi. La storia si ripete con abiti e mode diverse e la pace della primavera del 1919 vide la miopia della Gran Bretagna e della Francia che mise le basi per la Seconda Guerra Mondiale. Alla fine della Grande Guerra per l’Italia arrivarono Trento e Trieste e con il colpo di coda di D’Annunzio anche Pola, Zara, l’Istria e la Dalamzia perse pochi anni dopo”.

 

La mostra è aperta fino al 24 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *