venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Attualità > Valleggia in festa per il suo san Salvatore

Valleggia in festa per il suo san Salvatore

Martedì 6 agosto, nel giorno della Trasfigurazione del Signore, la parrocchia del santissimo Salvatore di Valleggia, guidata da don Silvester Soosai, ha festeggiato come da tradizione il proprio patrono. Alle 20.30 sul campo sportivo ” A. Gambetta” di via san Pietro, il vescovo Calogero Marino ha celebrato la Messa solenne assieme ai ragazzi dei campi estivi delle Tagliate e con i canti del Coro polifonico locale.
Al termine ha preso il via la suggestiva processione, con la cassa lignea del Santissimo Salvatore, opera di Agostino Storace,  con i crocifissi delle confraternite partecipanti, in primis il locale sodalizio di san Sebastiano, e, novità di quest’anno, l’accompagnamento della banda “Mordeglia” di Celle. Il corteo sacro ha attraverserà il centro del paese per giungere nella chiesa parrocchiale. Infine un allegro e ghiotto momento conviviale.La Trasfigurazione del Signore (6 agosto)è il giorno per molti della celebrazione di San Salvatore. L’episodio al quale si riferisce la celebrazione è raccontato nei tre vangeli sinottici. I testi narrano che Gesù dopo essersi appartato con i discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni, cambiò aspetto mostrandosi ai tre discepoli con uno straordinario splendore della persona e uno stupefacente candore delle vesti. Come fa intuire il nome stesso, una vera e propria trasfigurazione. Proprio in questo contesto si verifica l’apparizione di Mosè ed Elia che conversano con Gesù. Cristo richiama la sua trascendenza, la presenza di Mosè ed Elia simboleggia la legge e i profeti che hanno annunciato sia la venuta del Messia che la sua passione e glorificazione. Gesù li prende con sè e vuole che siano testimoni della sua gloria. Pietro, il discepolo dal cuore ardente e generoso fino all’eroismo; colui che pochi giorni prima era stato costituito capo della Chiesa.Giacomo, il fratello di Giovanni, impetuoso e fedele che voleva sedere alla destra di Gesù, per cui si disse disposto a bere lo stesso calice amaro della passione. Giovanni, prediletto perchè il più giovane ed il più innocente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *