giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > Varazze, presentato il libro di Antonio Brunetti “I 31 uomini del Generale”

Varazze, presentato il libro di Antonio Brunetti “I 31 uomini del Generale”

Si è tenuta, alla presenza del sindaco Alessandro Bozzano, dell’assessore alla cultura Mariangela Calcagno, degli organizzatori dell’evento e di numerosi cittadini, la presentazione del libro di Antonio Brunetti “I 31 uomini del Generale” che racconta l’esperienza di Brunetti al fianco del Generale Dalla Chiesa.

“Ringrazio i presenti e voglio dire che questo evento è molto importante per noi”, ha dichiarato il primo cittadino di Varazze Alessandro Bozzano, “e la città rispetta e difende le istituzioni perchè tutti noi ci crediamo. Il libro è molto importante e ricordo che con i carabinieri vi è una collaborazione importante per la tutela delle persone. Ho ascoltato il capitano Ultimo e mi chiedo come sia possibile che vi sia il bisogno di una petizione per affidargli la scorta perchè chi rischia la vita per lo Stato dovrebbe avere più tutela dalle istituzioni. Dalla Chiesa ha insegnato metodi importanti poichè occorre un metodo per le forze dell’ordine per assicurare giustizia; vi è la necessità di riabilitare chi ha sbagliato però bisogna assicurare alla giustizia chi ha sbagliato. Ricordo bene i momenti delle Brigate Rosse e non dimentico nemmeno le lotte armate ai magistrati che non avrebbero ragione di esistere in uno Stato di diritto; il metodo Dalla Chiesa ci assicura equilibrio ed occorre rispetto per lui ma sono convinto che sia difficile prendere decisioni efficaci quando si opera per l’interesse della comunità. Dalla Chiesa è uno degli eroi d’Italia e la squadra gli è sempre restata accanto”.

Stessa soddisfazione da parte dell’autore del libro, Antonio Brunetti :”Ringrazio i presenti dicendo che per scrivere una storia bisogna viverla e sono stato fiero di aver lavorato al fianco di Dalla Chiesa perchè non si è mai tirato indietro. Quando è tornato in Sicilia in aereo ha scritto la sua storia e voglio ricordare che il mio libro ha vinto il premio “Piersanti Mattarella” (Piersanti Mattarella è stato un politico italiano, assassinato da Cosa Nostra durante il mandato di presidente della Regione Siciliana. Suo fratello Sergio è l’attuale Presidente della Repubblica); tutto il ricavato è stato destinato agli orfani dell’Arma dei Carabinieri. Siamo venuti qui a Varazze perchè in questa città vi è una piazza intitolata a Dalla Chiesa ma anche a Salvo D’Acquisto, altro eroe italiano”.

“Faccio mie le parole del sindaco”, afferma l’assessore alla cultura Mariangela Calcagno, “ed il libro ricorda un periodo triste per la nostra Patria. Lodiamo chi muore per farci avere anni di pace e chi per la Patria muore non muore mai invano; spero che l’Italia possa vivere sempre in pace”.

“Per noi questo è un evento importante”, sottolinea il presidente emerito dell’associazione marinai, “e quando mi hanno chiesto di entrare nel SIOS (il Servizio Informazioni Operative e Situazione (SIOS) era un’articolazione dei servizi segreti italiani, costituito all’interno di ciascuna delle forze armate italiane) ho accettato e sono entrato nei servizi cambiando la mia vita. Sono onorato di essere stato nel servizio informativo che è sempre stato legato ai carabinieri””.

“Questo evento è per noi importante”, evidenzia Antonio Rossello, “ed io, come Brunetti, ho portato la divisa dei carabinieri. Ringrazio Varazze che ci ha accolti ed il sindaco che ha organizzato l’evento portando qui l’unica doppia medaglia d’oro. Dalla Chiesa era un grande italiano che ha fatto la storia del nostro Paese”.

“Ringrazio il sindaco Bozzano”, riprende Brunetti, “che ha ricordato uomini semplici ma che hanno fatto la storia italiana. Ho conosciuto Dalla Chiesa, troppo spesso criticato dalla autorità, ma sono convinto che l’Italia abbia bisogno di uno come lui. Ha scelto 31 uomini per i quali si è rivelato essere come un padre e nel corso degli anni ne abbiamo persi 20; per seguirlo ho lasciato la mia famiglia seguendo il mio giuramento fino in fondo e sono onorato di aver combattuto e vinto il terrorismo al suo fianco. Le persone ci giudicano e dev’essere così ma dobbiamo essere orgogliosi della divisa e portarla con orgoglio; dobbiamo dare sicurezza e tranquillità alle persone ed io ho dato tutto per la sicurezza. Il generale ha ricoperto sempre ruoli importanti ed è restato nel mio cuore tanto che ho in casa una sua foto e lo considero un eroe dei nostri tempi. Voglio ricordare i nostri caduti nelle missioni di pace e mio cugino è caduto a Nassiriya; dopo i fatti gravi che hanno segnato il nostro Paese abbiamo arrestato i capi delle Brigate Rosse decapitando il terrorismo”.

“Per me è un onore essere qui”, dichiara il comandante dei carabinieri di Varazze, “e per me Dalla Chiesa è sempre un mio superiore. Ho conosciuto la Sicilia perchè vi ho lavorato ed è un onore avere un punto di riferimento come Dalla Chiesa”.

“Stiamo facendo con le scuole il progetto Legalità e per noi sarebbe un onore portare un uomo come Brunetti dai nostri ragazzi”, conclude un’insegnante delle scuole di Varazze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *