martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > Varazze ricorda il gemellaggio con la città palestinese di Bet Jalla

Varazze ricorda il gemellaggio con la città palestinese di Bet Jalla

Si è tenuto, presso la sala consiliare del comune di Varazze, alla presenza del sindaco Alessandro Bozzano, dell’assessore alla cultura Mariangela Calcagno, del parroco Don Giulio Grosso, del console onorario palestinese nel nord Italia Ani Gaber e di numerosi cittadini, il ricordo del gemellaggio con la città di Bet Jalla, avvenuto nel 2005 alla presenza dell’allora sindaco Antonio Ghigliazza e dell’allora Vescovo di Savona-Noli Domenico Calcagno.

“Don Giulio è stato per anni un punto di riferimento per la nostra comunità e anche se oggi è a Savona noi lo ricordiamo sempre con affetto”, ha dichiarato il sindaco di Varazze Alessandro Bozzano, “e voglio ricordare che nella sala in cui siamo oggi vengono prese le decisioni per la nostra città. La Palestina è una terra di guerre ed oppressione e voglio, in tale senso, rammentare l’articolo 3 della nostra Costituzione che stabilisce l’uguaglianza per tutti. Per noi questo patto d’amicizia è molto importante e la religione arriva a determinare la sorte dei popoli”. 

Parole simili da parte di Mariangela Calcagno, assessore alla cultura :”Ringrazio tutti i presenti e voglio dire che oggi ricordiamo il gemellaggio con Bet Jalla per il quale Don Giulio ha avuto un ruolo importante e voglio anche ringraziare il console per la sua presenza”. 

“Tutto è nato per caso ed essendo stato due volte in Terra Santa ho visto i cristiani in difficoltà a causa delle tensioni”, afferma Don Giulio, “e voglio ricordare che le popolazioni di questi luoghi vivono sui guadagni portati dai pellegrini. L’idea del gemellaggio è venuta a me e la proposta è stata subito accolta e durante il primo viaggio siamo subito andati dal patriarca palestinese. Tutto è cominciato il 7 luglio 2005 invitando qui gente del luogo e la sala consiliare di Bet Jalla è intitolata a Varazze. La dottoressa Pesce ha contatti in quei luoghi e offre il suo lavoro curando i ragazzi del posto e negli scorsi anni abbiamo anche fatto adozioni a distanza”.

“Sono onorato di essere qui e ringrazio il comune, Don Giulio e i presenti”, evidenzia il console Hani Gaber, “e voglio dire che spero vivamente che venga messa la parola fine ai conflitti perché per noi sono momenti difficili. La questione palestinese è iniziata nel 1886 quando si parlò di dove creare uno stato ebraico e si scelse la Palestina allora parte dell’Impero Ottomano che cadde alla fine della Grande Guerra e divenne Mandato Britannico. Il 2 novembre 1917 il Regno Unito appoggiò il Movimento Sionista per la creazione di uno Stato ebraico ed appoggiarono l’immigrazione verso quelle terre. I palestinesi si ribellarono a quella immigrazione e la risoluzione ONU del 29 novembre 1947 divise la Palestina in uno stato ebreo ed uno arabo con Gerusalemme sotto controllo internazionale ma la risoluzione venne rifiutata. La Guerra dei Sei Giorni avvenne come ritorsione contro i paesi arabi e gli Accordi di Oslo del 1993 dopo la caduta del Muro di Berlino videro la situazione peggiorare. La situazione attuale non giova a nessuno e voglio ricordare che la Palestina non è ammessa all’Onu per il veto statunitense. Condanno ogni violenza e sono convinto che israeliani e palestinesi abbiano entrambi il diritto di vivere in pace”.

“Ringrazio il console e voglio dire che spero sinceramente che la pace arrivi presto anche in quei luoghi”, conclude l’assessore Calcagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *