Attualità

Vazio e Tomatis: meno male che non possiamo uscire

Sarebbe il caso di affermarlo, dopo il botta e risposta tutto albenganese tra due esponenti politici, Franco Vazio, deputato del PD al Parlamento ed il consigliere e capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Roberto Tomatis, perchè se si fossero incontrati, avrebbero potuto anche venire alle mani: ad innescare il confronto le dichiarazioni di Vazio del 2 aprile, che così si era espresso:

Non è il momento di fare polemiche. Ci sarà tempo per capire cosa non abbia funzionato in Liguria durante questa emergenza. Avremo tempo per comprendere perché altre regioni del nord costruivano strutture sanitarie di emergenza e aumentavano i posti di “intensiva” ed in Liguria invece si chiudeva l’ospedale di Cairo. Oggi in Liguria sono disponibili solo 190 posti di terapia intensiva e per quanto comunicato dalla Regione sono praticamente tutti utilizzati: speriamo che, come dicono, il peggio sia passato e che la sorte ci aiuti”.
Questa pandemia ci ha insegnato che la sanità pubblica ci ha salvato; una sanità fatta di scienziati, medici, infermieri e operatori competenti, eccezionali ed eroici. Oggi ci siamo accorti tutti che senza di loro non ce l’avremo fatta. Se è così però non basta riempirsi la bocca di ringraziamenti durante le dirette Facebook o le conferenze stampa; se è vero tutto ciò bisogna sterzare e cambiare direzione, investire nel pubblico e pagare meglio gli operatori della sanità”.
“La Regione Liguria potrebbe come primo atto, annullare il bando per l’assegnazione ai privati degli ospedali pubblici Albenga e Cairo”.

“Cosa sarebbe successo se l’ospedale di Albenga, oggi destinato all’emergenza coronavirus, fosse stato già occupato dai privati?”
Ripensare a scelte che si sono rivelate oggettivamente affrettate ed improprie sarebbe una dimostrazione di intelligenza e restituire le funzioni pubbliche e di emergenza agli ospedali di Albenga e di Cairo sarebbe il modo per rafforzare la tutela dei cittadini liguri. La mia non vuole essere una critica, ma un appello a chi, a prescindere dall’appartenenza partitica, vuole prendere atto che la direzione vada invertita”.

“Certo mantenere calma e appropriatezza di linguaggio in certi momenti è davvero difficile soprattutto quando assisti a comportamenti che fra loro fanno a pugni. Da un lato, infatti, trovi e apprezzi l’assessore Viale quando, anche con riferimento al dramma vissuto nelle case di riposo della Liguria, riconosce errori e falle nella direzione della sanità ligure durante questa emergenza; certamente eccezionale ed estremamente difficile da gestire. Dall’altro, però, provi un certo disgusto e un vero sbigottimento quando ti imbatti in consiglieri comunali (della Lega e di Forza Italia di Albenga) che, strizzando l’occhio ai prossimi appuntamenti elettorali e violando le più elementari regole etiche e professionali, si travestono a volte da “sciacalli” per fomentare la denuncia dei Sindaci, pur sapendoli eccellenti e impegnati in prima linea, e a volte si camuffano da stregoni per impartire telefonicamente pericolosi suggerimenti e consigli per la cura di questo virus maledetto”.
“Chi ha statura politica prenda le distanze da tali “ominicchi e ququaraqua”: la nostra comunità gli renderà sicuramente merito” conclude Vazio.

Tomatis ha ieri replicato senza mezzi termini:

Ieri, il parlamentare ingauno si è improvvisamente svegliato per raccontarcela un po’, ma prima di tutto per farci sapere che anche lui esiste. Ha scelto un argomento sociale senza dubbio rilevante. Si, Franco Vazio ieri ha avuto l’ardire di argomentare sulla situazione attuale sanitaria, elogiando la sanità pubblica e lanciando appelli alla Regione, perchè la gestione sanitaria degli Ospedali di Albenga e Cairo resti completamente pubblica, in modo che, abbiamo pensato tutti, si consumi definitivamente il disegno del partito democratico savonese e regionale di chiudere effettivamente gli Ospedali di Albenga e Cairo. Ma l’Onorevole che ultimamente brilla più per la sua simpatia che per la sua intelligenza, si è spinto oltre, coprendo di insulti i consiglieri comunali del centrodestra eletti dal popolo albenganese, lui che, per guadagnarsi un posto a Roma, ha accettato di sopprimere il pronto soccorso di entrambi gli ospedali, a nome e per conto di quel PD che ha ucciso e profanato la sanità pubblica”. Cosi commenta il consigliere comunale della Lega Roberto Tomatis.

“Gli albenganesi (e non solo) non dimenticheranno mai. Chi ha un briciolo di memoria e senso di appartenenza alla propria città non può dimenticare il 26 ottobre 2012, quando, con la regione governata dal Pd, cominciò, ad Albenga, lo smantellamento dell’ospedale -pubblico- (oggi tanto sbandierato) con la progressiva chiusura di tutti i reparti, dalla medicina di urgenza con i 2 posti letto di osservazione breve intensiva, allo smantellamento delle degenze del reparto di chirurgia, dell’otorinolaringoiatria, dell’oculistica, dell’ortopedia (data dallo stesso Pd in gestione al privato tanto detestato oggi), alla trasformazione di 23 posti letto di medicina in medicina di cure intermedie. Franco Vazio, se avesse un po di coscienza (politica), dovrebbe avere rispetto per i cittadini Ingauni, per quello che stanno attraversando, per i tanti morti che, a causa di questo virus maledetto, ogni giorno leggiamo copiosi nei necrologi”.

“L’onorevole come un disco rotto mette le mani avanti dicendo di “non voler fare polemica” e poi, è più forte di lui, non riesce a fare nessuna attività politica a favore della città e sceglie di scendere al più basso livello della meschinità, distribuendo insulti a nastro a chi non la pensi come lui. Ha elogiato la sanità pubblica parlando di eroi, perchè gli avranno detto che così può conquistare qualche like in più, senza però ricordare le tante vittime registrate ad esempio nella struttura sanitaria comunale per eccellenza, Il Trincheri di Albenga, dove la gestione dei suoi compagni di partito potrebbe presentare un qualche profilo di rilevanza penale, visto che la Procura della repubblica sta valutando il caso”.

“Vedi onorevole, ti sei appena svegliato, dopo ore ed ore di sonno, torna a dormire. Leggere le tue sparate sulla sanità di Albenga è come voler andare al mare in Piemonte. Io sono un signore e non replico ai tuoi appellativi di -sciacallo, ominicchio, quaquaraqua-, sei semplicemente imbarazzante per me e per la stragrande maggioranza dei cittadini. Le tue dichiarazioni sono fortemente -disonorevoli- Dammi retta, tornatene a letto”.

Forse si è andati un po’ oltre i limiti di una dialettica che, pur serrata, vivace e conseguente, non dovrebbe trasgredire i principi di buona creanza e di rispetto propri del confronto democratico, specialmente in questi tempi, in cui le polemiche dovrebbero essere lasciate da parte per cercare, insieme, di addivenire alle migliori opportunità per uscire dall’emergenza che ci opprime!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: