domenica, Settembre 15, 2019
Home > Cronaca > Veglia per i “nuovi martiri” con Sant’Egidio

Veglia per i “nuovi martiri” con Sant’Egidio

Anche quest’anno la Comunità di Sant’Egidio ricorda i testimoni della fede, i cosiddetti “Nuovi Martiri” del XX e XXI secolo, in una veglia di preghiera, nell’imminenza della settimana di Passione, che si terrà venerdì 22 marzo alle ore 20.45 nella Cappella delle Suore dell’Immacolata, con ingresso da vico Spinola.Sono moltissimi coloro che anche nel 2012 e 2013 hanno perso la vita nel mondo e hanno subito la persecuzione: solo pochi giorni fa più di 100 case di un quartiere cristiano di Lahore in Pakistan sono state date alle fiamme. Durante la veglia saranno ricordati i cristiani di ogni confessione religiosa, che hanno perso la vita in questi ultimi anni: missionari, ma anche sacerdoti diocesani, religiosi e religiose, laici e catechisti, uccisi per aver testimoniato il Vangelo di Gesù con la partecipazione alla liturgia, con la carità, con la preghiera.
Nel 1999 Giovanni Paolo II decise, in preparazione del Giubileo del 2000, di istituire una commissione “Nuovi Martiri”, che avrebbe dovuto indagare sui martiri cristiani del Ventesimo secolo. La commissione, coordinata da Andrea Riccardi (nella foto) , fondatore della Comunità di Sant’Egidio, ha lavorato due anni nei locali della Basilica di San Bartolomeo, raccogliendo circa 12.000 dossier di martiri e testimoni della fede giunti da diocesi di tutto il mondo. Tra i frutti di questo lavoro vi fu anche la preghiera ecumenica svoltasi presso il Colosseo, alla presenza del Papa e di rappresentanti di tutte le principali Chiese cristiane. In quella occasione venne sottolineato come il gran numero di cristiani uccisi o perseguitati nel Novecento fosse un continente ancora da esplorare, un patrimonio condiviso da ogni confessione cristiana.
Passato il Giubileo, Giovanni Paolo II volle che questa memoria dei testimoni della fede del Novecento potesse divenire qualcosa di visibile nella Basilica di San Bartolomeo, oggi custodita dalla Comunità di Sant’Egidio di Roma. Il 7 aprile 2008 il Santo Padre Benedetto XVI ha visitato la Basilica. Sostando davanti alle memorie dei martiri contemporanei ha definito la visita di questo luogo “Un pellegrinaggio alla memoria dei martiri del XX secolo, innumerevoli uomini e donne che hanno versato il loro sangue per il Signore. Ma Gesù Risorto illumina la loro testimonianza e comprendiamo così il senso del martirio. E’ la forza dell’amore, inerme e vittorioso anche nell’apparente sconfitta”. Per ulteriori approfondimenti www.sanbartolomeo.org .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *