lunedì, Maggio 27, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Veleno: “Finalmente Renzi ha fatto qualcosa di sinistra: ha perso”

Veleno: “Finalmente Renzi ha fatto qualcosa di sinistra: ha perso”

Sarà ma non riusciamo a toglierci il dubbio che il secondo turno delle primarie, ballottaggio tra Bersani e Renzi, sia stato un escamotage studiato a tavolino per incassare ulteriormente un bel po’ di euro: fate voi il conto cari lettori, moltiplicando l’obolo richiesto a ciascun nuovo votante per il numero degli stessi. Perchè il dubbio è questo, semplice e immediato: bastava, e avanzava, un solo turno di votazioni, chi aveva più voti vinceva.

Ma in Italia tutto è complicato,e, se per grazia divina, cosi non fosse, immediatamente ci si ingegna ad ingarbugliare le cose: ultimi esempi il caso del giornalista Sallusti e quello dell’Ilva di Taranto dove allo stop dei P.M per salvaguardare la salute degli operari il Governo si è opposto con un decreto ad hoc ordinando la riapertura dello stabilimento: come dire ‘di lavoro si campa ma anche si muore’.
***Evidentemente il tacchino sul tetto di casa ha portato fortuna; e il povero uccelletto Renzi, nella mani ruvide di Bersani è stato sacrificato come contorno a un bel piatto di polenta: finalmente si è capito l’arcano significato delle parole del Segretario durante il confronto a due in televisione .
Renzi è tornato a fare il Sindaco di Firenze, con tante problematiche in più, i primi mesi saranno tribolati, sono in tanti, amici compresi, pronti a trafiggerlo come San Sebastiano, succede sempre così in Italia dove la fermezza di pensiero e la dignità sono ballerini a secondo della convenienza.
Basta pensare che a pochi minuti dal risultato delle primarie sono apparsi in televisione i fantasmi di Dalema (ma che gli è successo? tutto canuto, anche i baffi) e della Bindi.
Citazione: pare che il mercato autumobilistico abbia avuto una discreta ripresa dopo la vendita di un ‘camper’.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *