domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Cultura e Musica > Venerdì 27 novembre, al teatro don Bosco di Savona, è di scena Karol Wojtyla

Venerdì 27 novembre, al teatro don Bosco di Savona, è di scena Karol Wojtyla

Sono terminati gli appuntamenti teatrali del calendario 2015 al Don Bosco di Savona, ma c’è ancora un evento per il quale si apriranno le porte degli ex Salesiani di via Piave: la serata dedicata ad un santo particolare, Karol Wojtyla, San Giovanni Paolo II, questo venerdì, 27 novembre, alle ore 21. Presentazione a cura di don Giovanni Margara. Ingresso libero.
Nell’attesa, ci piace ripensare all’ultima compagnia che ha calcato le scene del teatro, ‘A piedi nudi sul palco’, una costola del Gruppo Don Bosco di Varazze del presidente Gianni Way. Un gruppo di giovani attori, davvero ben preparati, sotto la guida di Alfredo Valle, regista della pièce: ‘A piedi nudi nel parco’ di Neil Simon, lui stesso in commedia nel ruolo dello stanchissimo, e non più giovane, ‘garzone’ di consegne.
D’altronde, tutti penano a salire otto piani di scale, perché in quello stabile non c’è l’ascensore… tutti meno la protagonista, Corie (l’esuberante Barbara Ponte), per la quale ogni cosa è un momento di divertimento, pure lo stanzino millimetrico dove ci sta solo un letto singolo (e dove occorre girarsi all’unisono!), e neppure si spaventa all’idea che il vicino del piano di sopra, ormai abusivo, debba passare dalla loro cameretta per entrare nel proprio appartamento. Già dai primi istanti, con un ballo eseguito sulla musica che entra dalla finestra, ci dà un assaggio di quanta sicurezza e scioltezza ci sarà nel prosieguo.

Il marito Paul (Carlo Terracciano) così diverso dalla sua dolce metà, così posato e concreto, inghiotte subito quel boccone amaro di vincere una causa e di non ricevere alcun compenso, ciononostante ci prova in tutti i modi a trovarsi bene fra quelle mura così disastrate. Ma quando lei decide di divorziare… ecco, quello è il momento in cui inizia la vera prova dell’attore Terracciano, che l’ubriaco lo farà proprio bene!
Arianna Craviotto (nella foto), ben truccata per il ruolo di mamma-suocera benpensante, spaventata all’idea che la figlia cerchi di appiopparle un uomo, è stata credibilissima nelle sue mille paure, e nel suo disorientamento quando si ritrova senza gli abiti che indossava la sera prima… Ma già all’inizio colpisce positivamente, mentre dice una cosa e fa capire il suo contrario!
Luca Airaghi è stato il ‘Barbablu’ che ama i cibi stranieri, e pure li cucina, per poi arrendersi di fronte agli attacchi dell’ulcera. I suoi occhi parlano per lui, e accompagnano la disinvoltura con cui omaggia le donne…
Ottima la tempistica della neve che cade dal buco del tetto quando Paul si decide a dormire sul divano, e bravo anche il tecnico del telefono (Eugenio Rusca), in una parte pur piccola ma che suscita sempre tanta simpatia, così come l’omino che porta su il pacco (e che altri non è che il regista Valle), e che sembra che gli otto piani li abbia davvero fatti, scalino dopo scalino, e non sia una simulazione la mancanza di fiato!
Appuntamento allora a venerdì, per la serata su Wojtyla, e al 9 gennaio p.v. per la ripresa del calendario della sedicesima rassegna teatrale 2015-2016.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *