martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > Viadotto Castellaro: lavori appaltati a imprese calabresi (e a prezzo dimezzato)

Viadotto Castellaro: lavori appaltati a imprese calabresi (e a prezzo dimezzato)

Non senza qualche mal di pancia è arrivato al traguardo l’iter di aggiudicazione dei lavori relativi alla manutenzione straordinaria del viadotto Castellaro, sull’autostrada Torino – Savona, nel tratto compreso tra Ferrania e Altare. A dare un tono di urgenza ai lavori erano state lo scorso anno alcune segnalazioni, con foto, che sembravano indicare la presenza di qualche preoccupante lesione nelle strutture portanti del viadotto. La società ATS, a seguito delle periodiche ispezioni condotte, non aveva riscontrato condizioni tali da pregiudicare la stabilità e la sicurezza dell’opera, ma – prima ancora che arrivassero le segnalazioni – aveva messo in gara i lavori di manutenzione del viadotto.

C’era stata anche una interrogazione parlamentare e la società autostradale aveva ulteriormente precisato che le fotografie indicavano, sul lato direzione Torino, “una lesione del setto di chiusura della spalla, altrimenti detto paraghiaia, che non svolge funzioni di sostegno dell’impalcato”. Tuttavia, nell’ambito delle iniziative per migliorare le condizioni di sicurezza dell’infrastruttura autostradale, ATS assicurava di aver elaborato un progetto che prevede di intervenire su fondazioni, pile e impalcato al fine di rendere il viadotto Castellaro più performante anche in caso di un eventuale evento sismico. Il progetto era stato messo in appalto a fine febbraio 2016 per un importo di circa 1,4 milioni di euro.

La seconda parte della storia inizia con l’aggiudicazione dei lavori. Alla gara – basata sul criterio del prezzo più basso – avevano partecipato 50 imprese e raggruppamenti di imprese. Ed a prevalere, offrendo uno “sconto” del 43,725% sull’importo base, era stato un raggruppamento temporaneo di imprese con sede ad Acri (Cosenza), composto dalle società Ingeos e Savigi Costruzioni. L’aggiudicazione provvisoria – per un prezzo tutto compreso di 840 mila euro – era stata ufficializzata l’11 maggio dello scorso anno. Per trasformarla in definitiva occorreva tuttavia verificare il possesso dei requisiti di legge da parte dei futuri appaltatori. Qui c’è stato  qualche intoppo, anche perché Ingeos Srl, nota tra l’altro per aver ottenuto l’appalto da un milione di euro per la ristrutturazione del Convento di San Francesco di Paola, a Cosenza, era finita a inizio 2017 in un’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia calabrese. Per cui il viadotto Castellaro, 16 mesi dopo l’aggiudicazione dell’appalto, è ancora in attesa che si apra il cantiere. Finalmente lunedì scorso la società autostradale è stata nelle condizioni di pubblicare l’esito della gara con l’aggiudicazione alla cordata cosentina. Il tempo previsto dei lavori è stimato in un anno. Salvo ulteriori complicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *