mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Cultura e Musica > VILLA BRUNATI AD ALASSIO: PARADISO PER MILIONARI…

VILLA BRUNATI AD ALASSIO: PARADISO PER MILIONARI…

di Giorgio Siri

La Villa Brunati di Alassio è uno di quei luoghi magici che la Liguria cela con discrezione, troppa, e vale anche per Villa Zanelli di Savona, perchè se simili bellezze fossero più note susciterebbero più interesse pubblico e forse, una volta venuta meno ogni aspettativa privata, una volta che per tali immobili altro destino non rimane che l’abbandono, sarebbe meglio divenissero beni di interesse pubblico, non per finire come Villa Zanelli ovviamente, ma per poter ospitare musei o scuole, sedi di enti o di istituzionio strutture insomma, che ne salvaguardino il valore.
Chi ce li ha infatti sedici milioni e mezzo di euro, prezzo al quale Villa Brunati è stata messa in vendita da “Italy Sotheby’s International Realty”? Qualcuno ce li ha, sicuramente, e sempre si dice uno sceicco arabo, un petroliere russo, oppure una grande – immensa! – Società immobiliare ma il tempo passa e l’abbandono incombe!

Come sempre in casi del genere, la storia della Villa è interessante e un po’ misteriosa. La bellissima costruzione, con portineria a parte, sorge sul cosiddetto promontorio di Punta Murena, tra la via Aurelia e la spiaggia sottostante, che si connette col porticciolo Luca Ferrari. Giuseppe Brunati, antiquario e architetto, la progettò come sua dimora, in località Russi – per questo motivo viene chiamata anche “Villa Russa”- altre fonti riferiscono che l’appellativo deriva dalla nazionalità della moglie! –  Era l’epoca in cui lo Stile Eclettico lasciava gradualmente il campo al Liberty, venendone sostituito non bruscamente, ma con una sorta di metamorfosi di forme; Villa Brunati ha ancora l’apparenza del neo gotico intrigante e ammiccante, delizia di “esteti” e di “dandies”. La spettacolare terrazza appare, però, piuttosto in forme “neo-rinascimentali”!  E’ l’epoca di D’Annunzio, presente tra la cerchia di amici del Brunati, il cui soggiorno alla villa alassina è attestato! E ad Alassio mori, nel 1949, un  altro Giuseppe Brunati, poeta e scrittore appartenente alla corrente decadendista, siamo sempre in ambito quindi! Non so se fosse parente dell’altro!

Il parco, descritto da viaggiatori e scrittori, cui qualche tempo fa la rivista l'”Alassino” dedicò un accurato servizio, è di una magnificenza da trattato di botanica rara e, da esso, si aprono scorci di panorama da sogno!  ll complesso di Villa e Parco è posto sotto tutela governativa con Decreto del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali del 31 luglio 1998, trascritto il 20 agosto dello stesso anno.

Come sempre in casi del genere le vicissitudini della villa sono tormentate. Attualmente la proprietà è della “Punta Murena 2012”, società che fa capo al commercialista milanese Ugo Rock.  Nel corso degli anni è stata venduta dalla famiglia Avetta a Luigi Zunino per la società Risanamento ( poi in stato di crisi ). E’ passata quindi in mano al cugino Manuele Bonzano, della società Aida che aveva presentato il progetto di ristrutturazione. A firmarlo: Marco Maria Sagnelli e l’architetto Marco Melgrati, ex sindaco di Alassio. Si sono susseguite sentenze del T.A.R. con interruzioni e divieti di provvedimenti comunali e regionali, esposti di associazioni paesaggistiche, polemiche e ripresentazione di progetti! L’assetto attuale, forse, sta bene a tutti,  associazioni ambientaliste comprese! E’ prevista la ristrutturazione e la valorizzazione della villa con bungalow indipendenti realizzati in ferro, vetro e legno in un complesso servito da percorsi interni, immersi in un giardino tipico di flora del Mediterraneo, che collegano le varie unità al lungomare e alle spiagge. Ogni unità sarà dotata di parcheggio proprio.

Comunque oggi  il complesso è completamente recintato: l’ingresso è sorvegliato dall’Aurelia. Tutto sembra rinchiuso e in attesa di eventi! Speriamo che, in un modo o nell’altro, arrivino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *