AttualitàCultura e Musica

Villa Gavotti nelle giornate del FAI

“Finalmente siamo riusciti a riaprire Villa Gavotti grazie alla proprietà e allo sforzo del Fai di Savona, dal mese prossimo inizieranno delle aperture mensili con giorni fissi per restituire questo splendore ai cittadini e ai turisti. Un grande risultato che rientra in un ampio protocollo con la famiglia Gavotti per aperture a visite didattiche delle scuole e sarà luogo per la celebrazione dal prossimo anno di matrimoni civili”. Così si è espresso, questa mattina, l’Assssore del Comune di Albissola Superiore, Luca Ottonello, per salutare la riapertura di Villa Gavotti Della Rovese, ad Albisola Superiore, situata in prossimità del pittoresco centro storico, in occasione delle “Giornate del FAI”; quest’anno la bellissima villa albisolese è tra i luoghi designati dal Fondo dell’Ambiente, per ricordare quale bellezza si cela con discrezione dietro mura un po’ vetuste e comunque di affascinanate apparenza. La “due giorni” speciale mette a disposizione del pubblico il  giardino  all’italiana, le sale delle Stagioni, le scalinate, le balaustre, le statue, le fontane ed altri spazi.

La prima visita guidata ha avuto ospiti gli Assessori di Albisola Luca Ottonello, Simona Poggi, Sara Brizzo e Calogero Sprio,  il Prefetto di Savona, Antonio Cananà  i sindaci di Savona, Ilaria Caprioglio, di Celle Ligure, Caterina Mordeglia e di Albissola Marina, Gianluca Nasuti.

“Si dice che la Villa probabilmente abbia dato i natali a Giuliano Della Rovere, papa Giulio II, l’aspetto attuale invece lo deve a Francesco Maria Della Rovere che gli ha dato questo aspetto, dal 1743, scenografico barocco facendolo diventare un unicuum sul territorio”  ha  precisato Michele Buzzi, delegato Fai.

Il nucleo più antico, la “Ca’ Grande”  dove  avrebbe avuto i natali, nel 1443, Giuliano Della Rovere, il futuro Papa Giulio II,  doveva essere simile alla Ca’ Piccola, edificio che fa parte del complesso e che presenta caratteristiche di casa-fortezza tado medievale, e oggi forse non è più visibile dopo che Francesco Maria della Rovere (1695-1768), dal 1765 al 1767,  Doge – il centosessantottesimo – della Repubblica di Genova, che ereditò l’immobile, ne decise l’ampliamento e la trasformazione in uno stile prossimo al barocchetto genovese. Lavorarono al rifacimento ed alla decorazione del palazzo artisti come Levantino, Schiaffino, Brusco. Spentosi Della Rovere senza figli, la proprietà venne ereditata dal marchese Luigi Gavotti, di una famiglia di lunga parentela coi Della Rovere, da cui prese il nome. Tra i membri della famiglia è famoso Giuglio Gavotti (1882-1939), uno dei pioniei dell’Aviazione italiana.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: