domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Cronaca > Vittorio Sgarbi elogia Savona, ma “cattedrale un po’ trascurata”

Vittorio Sgarbi elogia Savona, ma “cattedrale un po’ trascurata”


di ESTER COSTA - 31 Gennaio 2019, 8:06

Il critico d’arte Vittorio Sgarbi si è trattenuto alla libreria Ubik dove ha firmato le copie del suo ultimo libro Il Novecento Dal futurismo al Neorealismo (La nave di Teseo Editore) – Prefazione di Franco Cordelli, una sorta di diario al presente e al passato dedicato ad un Novecento inquieto, pulsante di artisti formidabili quali Modigliani, Boccioni, De Chirico, Morandi , Carrà, Casorati , Guttuso. Un “Molierè” dell’arte, un po’ spossato ma sorridente e affabile, la cui stanchezza non ha impedito , terminati gli autografi, di fare un caloroso resoconto delle due giornate savonesi che lo hanno visto impegnato nel tour artistico della città: “Ho trovato delle cose sicuramente notevoli che in parte conoscevo come la Cappella Sistina; ho visto una cattedrale con alcune cose che non ricordavo , dipinti importanti di Baglioni e di Lanfranco mentre il museo diocesano è come se fosse nascosto ma ben tenuto, forse la cattedrale avrebbe bisogno di una revisione per avere una maggiore solennità anche liturgica, mi è sembrato uno spazio un po’ trascurato . Ho visto le sale dove ha vissuto Pio VII, poi molti oratori tra cui quello perfettamente tenuto di Santa Maria di Castello, che è il monumento più significativo, sia per i dipinti di Foppa e il grande polittico di Brea sia per gli stucchi. Qui mi sembra che tutto sia in perfette condizioni ; ho visto gli affreschi e le sculture del municipio, che sono pure importanti testimonianza di un mondo che è ancora legato alla figurazione già nell’epoca della resistenza , una specie di rigenerazione dell’età fascista in cui è stato concepito . Molte cose importanti fra cui l’istituto di storia savonese ricco di libri importanti. Una città un po’ indifesa, un po’ misteriosa, un po’ chiusa rispetto al suo patrimonio, che avrebbe bisogno di essere messo in evidenza con maggiore determinazione, non saprei dire in quale modo; l’amministrazione mi sembra motivata , crede nelle bellezze di Savona e avverte la necessità di dare forza al patrimonio culturale del territorio; magari qualche sconto e apertura speciale in alcuni periodi dell’anno, quale quello pasquale, per invogliare i cittadini e coinvolgere i giovani, potrebbero dare un cortocircuito in più tra l arte e le nuove generazioni”. E ancora: “E’ una condizione naturale della natura dell’uomo, nella sua concorrenza creazionistica o creativa con Dio, ognuno di noi dentro ha un po’ di Dio, che lo spinge a fare, a creare . Naturalmente gli strumenti quali la fotografia, i video hanno molto allargato la possibilità di vedere e rappresentare il mondo oltre alle arti tradizionali, per cui credo non ci sono più i geni come nel passato ma è molto più diffusa la capacità di comprendere e di sentire propri questi beni che un tempo erano meravigliosamente concepiti per pochissimi, pensiamo alla Cappella degli Scrovegni, ai capolavori di Michelangelo non erano per il popolo. Oggi il popolo produce, soprattutto le donne hanno recuperato una creatività che era stata conculcata, nascosta per secoli . Forse ci sono meno eccellenze supreme ma con molta sensibilità e volontà di farsi conoscere e sentire attraverso l arte. Il linguaggio è vivo! ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *