AttualitàCultura e Musica

10 febbraio, per ricordare i nostri fratelli giuliano-dalmati

Oggi viene celebrato il “giorno del ricordo”, per commemorare le vittime dell’occupazione jugoslava delle regioni giuliane ed istriane; i tanti italiani perseguitati e gli uccisi che, con approssimazione dura ma efficace, vengono definit, vittime delle foibe. Questo termine, sino a qualche decennio fa, era addirittura ignorato nel suo significato materiale, geologico – dal latino “fovea”, fossa – che indica le particolari cavità o, inghiottitoi, in quanto vi penetra l’acqua, tipiche del suolo carsico.

Per decenni la storia delle  persecuzioni degli italiani del confine orientale non ebbe la diffusione di cui è degna, senza il rispetto dovuto ai tanti nostri connazionali che, da allora, sono emigrati nel resto d’Italia dopo la vera “diaspora” cui furono costretti dopo aver subito morte, attentati, intimidazioni, violenze di gni tipo.e non c’è citta  o paese, in cui non viva qualcuno di origini istriane

A Savona, come riferisce ieri Selena Borgna, si è tenuto un convegno con testimonianze dirette di rappresentanti di organizzazioni di esuli giuliano-dalmati.

Oggi, a Savona,verrà celebrata alle 17.00 una Messa nella chiesa di Nostra Signora della Neve; alle 18.00 una celebrazione civile si svolgerà in Piazza Mameli, presso il Monumento ai Caduti, con la presenza delle Autorità, con la deposizione di una corona, ai rintochi della campana. Verrà eseguito il Silenzio fuori ordinanza e la Corale Alpina Savonese intonerà alcuni canti commemorativi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: