Please assign a menu to the primary menu location under menu

Buongiorno Savona

Buongiorno Savona

Cosa dire cosa non dire “Parole,parole,parole”. Partendo dalla bella canzone di Mina, quando si parla è importante ascoltarsi ma non parlare per ascoltarsi. Parlo bene se non te lo dici da solo, come puoi aspettartelo da altri. Le parole condizionano, pesano e spesso si entra in conflitto con l’interlocutore ”non vali niente”. Prima evitare l’autocritica, ferisce. La comunicazione varia a seconda dell’interlocutore:bimbo, amico, capo, figli. Per questi ultimi in particolare le cose ripetute danno fastidio, non fanno, non vanno bene. Al contrario quelle della tenerezza, parlando ai bimbi hanno un altro suono, sono piacevoli, dolci. Per entrare nel regno della felicità, bisogna pensare di meno, chi pensa non è felice, non criticarsi, non accusarsi, rimproverarsi. Per esempio chiedere perché mi ami è errato, serve amarsi e basta, essere come i bambini quando giocano, non pensano ad altro. Guai prendere decisioni quando si è a disagio,irati, non si può essere obiettivi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: