AttualitàCultura e Musica

Varazze e Lanzarotto

Varazze ha celebrato, la sera di venerdì 20 settembre e sabato 21 settembre, l’ottava edizione del “Lanzarottus Day”, una due giorni dedicata al mercante e navigatore che scoprì, o riscoprì – forse note infatti ai Fenici ed ai Romani – le isole Canarie. Lancellotto o Lanzarotto Malocello (Varazze, 1270 – Genova, 1336), intrapredendo avventurosamente un viaggio oltre lo stretto di Gibilterra, sulle orme marine dei fratelli Ugolino e Vadino Vivaldi, partiti nel 1291 e mai più ritornati, approdò, nel 1312, sull’isola che ancora oggi porta il suo nome, seppure la sua permanenza nel luogo non andasse oltre un ventennale passaggio su quelle terre allora remote. Un secolo dopo il francese di Normandia, Jean de Bethencourt occupò l’isola, nel 1402, e, insieme con ufficiali suoi sottoposti, iniziò la sistematica esplorazione dell’arcipelago; nonostante avesse ricevuto un titolo regale, il francese fece omaggio dell’arcipelago al re Enrico III di Castiglia da cui aveva ricevuto aiuti per l’occupazione delle isole ed a lui le vendette definitivamente nel 1418, per ritornare in Francia, nella nativa Normandia, ad affrontare le circostanze indotte dalle vicende della Guerra dei Cento Anni che, con alterne fasi, avrebbe imperversato sino al 1453; prima ancora, un altro passaggio sull’isola avvenne da parte del biscaglino Martin Ruiz de Avendaño, che avrebbe sposato la regina indigena, preparando il terreno al Bethencourt, che fu il testimone del tentativo di permanenza di Malocello, avendo ritrovato il fortino da lui costruito. Comunque l’attestazione autorevole dell’impresa di Malocello proviene dal portolano del 1339 di Angelino Dulcert, un cartografo di Palma di Maiorca di probabili origini genovesi, che denomina l’isola delle Canarie come Insula de Lanzarotus Marocelus, mentre il suo nome indigeno era Tite-Roy-Gatra.

Interessanti e varie le commemorazioni varazzine, uno dei risvolti più interessanti delle quali è stato l’aver inquadrato la spedizione di Malocello nel contesto culturale dell’epoca; di lì a poco Dante, nella “Divina Commedia”, in uno dei canti più noti, avrebbe inserito il famoso racconto della leggenda medievale che narrava del viaggio temerario di Ulisse oltre le “colonne d’Ercole” che lo avrebbe portato ad inabissarsi in mare, parallelo letterario degli ardimentosi viaggi dei Vivaldi, di Malocello, dei primi grandi navigatori; hanno partecipato alle celebrazioni, presso l’Oratorio dell’Assunta, con il Sindaco di Varazze, Alessandro Bozzano e l’Assessore alla Cultura, Mariangela Calcagno,”padroni di casa”, il vescovo di Savona e Noli, Calogero Marino, che ha introdotto il concetto teologico del “prendere il largo”, il parroco di Sant’Ambrogio di Varazze, Don Claudio Doglio, che ha dottamente commentato la vicenda di Ulisse della Divina Commedia, il dottor Enrico Hüllweck, già sindaco di Vicenza e già Sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali, la cui vicenda biografica unisce Liguria e Veneto, oltre alla Germania, Paese nativo del nonno, ormai partecipante fisso del “Lanzarottus Day” che ha illustrato l’avventura del varazzino; per inciso, ci unisce a Vicenza la spedizione di Magellano, di cui quest’anno ricorre il conquencentesimo dell’inizio – 10 agosto 1519 – cui parteciparono il famoso estensore della dettagliata relazione del viaggio, Antonio Pigafetta, ed il savonese Leone Pancaldo, che prese parte alla spedizione con altri quattro concittadini e fu, a sua volta, autore di un diario di bordo; ospite l’Amministrazione comunale di Celle Ligure, intervenuta in persona del Sindaco, Caterina Mordeglia, madrina dell’evento, e dell’Assessore alla Cultura.

Sabato 21, al pomeriggio, presso la sala congressi del Palazzetto dello Sport, sono stati premiati, con borse di studio di vari enti tra cui Marina di Varazze, ragazzi delle Scuole Medie che hanno svolto ricerche ed eseguito disegni a riguardo della storia di Malocello, presente il professor Giovanni Delfino, già Sindaco di Varazze, segretario del Comitato Malocello Internazionale.

Matteo Fasano e Matteo Morciano, due ingegneri ricercatori del politecnico di Torino hanno illustrato, in un interessante intervento, il “Dissalatore a basso costo”, da loro testato nel mare di Varazze, oggetto di una delle borse di studio istituite  nell’anno scolastico 2018-19.

Altre suggestivi momenti delle manifestazione sono stati la rievocazione in costume – a cura del gruppo dei figuranti delle rappresentazioni per Santa Caterina, pertanto con abbigliamento di ispirazione trecentesca – del rientro di Lanzarotto a Varazze e la testimonianza di Valerie Braun Malerba, nipote del comandante Gerolamo Delfino, sull’impresa indimenticabile del salvataggio dei naufraghi del “Galilea”.

 

Immagine del “Lanzarottus Day” da Mediagold

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: