Attualità

2 giugno, convergenze e parallelismi

Festa della Repubblica in tono minore, a livello nazionale, per le “dimensioni” della celebrazione, non certo per l’intensità ed il significato del messaggio; il Presidente della Repubblica, Mattarella, a Codogno, comune simbolo della diffusione del contagio del Covid-19 in Italia, in Lombardia, la regione più colpita, ha voluto ricordare il giorno della Repubblica, insieme col Sindaco del piccolo Comune del lodigiano, Passerini e con il presidente della Regione Lombardia, Fontana in un toccante e condiviso evento!

A Savona doppia ricorrenza invece; il momento istituzionale è stato tenuto in Piazza Sisto, con la partecipazione del Prefetto Antonio Cananà, del Questore Giannina Roatta, del Sindaco Ilaria Caprioglio, del Presidente della Provincia Pierangelo Olivieri, della Presidente del Tribunale, Lorena Canaparo e del Procuratore della Repubblica, Ubaldo Pelosi, presenti i rappresentanti delle Forze Armate, il Vescovo Marino ed altre personalità. Tutte le tappe celebrative sono state toccate: inno di Mameli, alzabandiera, silenzio ed il discorso del Presidente Mattarella, che è stato letto dal Prefetto; ovviamente distanze e mascherine, ormai facenti parte del nostro volto!
Lega e Fratelli d’Talia hanno invece voluto tenere, coi loro rappresentanti, una manifestazione “parallela”, accanto alla cerimonia ufficiale, con cartelli di protesta; presenze significative il senatore Paolo Ripamonti, l’assessore regionale Stefano Mai, l’assessore savonese Maria Zunato insieme con consiglieri comunali e provinciali leghisti. Un flashmob anche’esso rispettoso delle regole con le debite distanze e le eterne mascherine; un coro dedicato al leader leghista Matteo Salvini si è alla fine levato dal prima silenzioso momento di protesta.

“Il nostro Governo si è dimostrato incapace di risolvere i problemi della gente, ci sono persone in piazza che stanno ancora aspettando di ricevere la cassa integrazione, ci sono commercianti che non sanno ancora se riusciranno a riaprire, ci sono lavoratori autonomi massacrati perchè non gli hanno fermato le bollette e gli affitti – si è cosi’ espresso il senatore Ripamonti – Confindustria ha ragione, fanno più danni del Covid”.
Tutti hanno ragione di esprimere una protesta, purchè in modo civile, come è avvenuto, tanto più per mantenere all’attenzione problemi effettivamente molto sentiti, però si poteva fare in altro luogo ed in altro momento, pur nello stesso giorno, specie da parte di chi ricopre cariche di Senatore e di Assessore, sia regionale che comunale e che deve ricordare di rappresentare, specie in taluni momenti, le Istituzioni e non i partiti e, semmai, essere vicino ai cittadini di cui si vuol interpretare il disagio, in una sede adatta, anche per non svilire il valore del dissenso!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: