AttualitàEconomia

Le associazioni bocciano le vendite di fine stagione

I commercianti della provincia guardano con attenzione, ma ormai anche con una forte diffidenza, ai saldi che sono partiti sabato scorso per durare sino a metà agosto, e sperano che nella realtà si vada oltre le previsioni, che in partenza sono al ribasso rispetto ai saldi dell’estate 2011.
Secondo le associazioni del commercio, a livello nazionale, il giro d’affari per il settore dell’abbigliamento e gli accessori, pari a quasi 4 miliardi di euro, incide per il 12% sul totale delle vendite annue. Mediamente le famiglie spenderanno in questa occasione attorno ai 250 euro, anche se rispetto al 2011 è prevista una contrazione delle vendite del 9%.

E per il Savonese il bilancio dei primi giorni non registra l’ottimismo che caratterizzava le vendite a prezzi super scontati degli anni passati. 
”Né troppo bene, né troppo male – dichiara cauto il presidente di Confesercenti, Franco Zino -; non sono più i saldi di una volta, quando davvero si attendevano i prezzi ribassati per comprare. Oggi si parte con promozioni nascoste già un mese prima, per questo lo strumento non funziona più ed è necessario un ridimensionamento. Non stiamo parlando di acquisto di generi alimentari, ma di abbigliamento e accessori, la gente compra i primi quattro giorni se i prezzi sono davvero d’occasione, poi nei negozi torna il flusso quotidiano”.
 Nei giorni precedenti ai saldi alcuni negozi di abbigliamento avvisavano i clienti più fedeli tramite mail o messaggi sms su vendite a prezzi scontati già prima dei saldi. 
Anche per Confcommercio le tante persone che in questi giorni girano per le vie delle città rivierasche e del capoluogo sono caute nell’acquisto. “Non mi resta che confermare quello che come associazione di categoria diciamo da tempo – afferma Vincenzo Bertino, presidente di Confcommercio –. I saldi organizzati in questo modo non hanno senso e disorientano il cliente.  Lo conferma il fatto che nei primi giorni, quelli che una volta erano i giorni della corsa al saldo con negozi pieni zeppi di gente, non siano stati caratterizzati dall’entusiasmo e dall’affluenza di clientela. Le persone in giro erano molte ma non tutte entravano nei negozi per comprare. Da un primo confronto a livello di sensazioni e  ancora non ufficiale con i colleghi di Genova, anche lì non mi risulta che ci sia stata la corsa al saldo. Credo sia giunta l’ora di cambiare finalmente questo sistema di vendite scontate”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: