Cultura e Musica

La tecnica si fa poesia nell’espressione artistica di Silvia Calcagno

Silvia Calcagno ha intrapreso un cammino verso alte mete grazie all’amore per l’arte che la spinge in due direzioni: quella della ricerca interiore e di espressione di certe sue ideali rappresentazioni e verso la diffusione e la collaborazione con critica, esperti e soprattutto pubblico. Tangibile e significativa è la scelta di una location adatta non solo per operare come artigiano della ceramica ma pure per offrire l’opportunità di organizzare eventi che talvolta la riguardano e talvolta stimolano l’ambiente artistico e il pubblico ad ampliare l’orizzonte verso terreni creativi inesplorati oppure lontani.

Anche significativa è la sua disponibilità alla didattica, ospitando corsi per bambini, aprendo il laboratorio agli adulti esperti o meno di ceramica. La contaminazione con altre espressioni artistiche significano che è un’artista a 360°, che conosce e accetta i movimenti artistici moderni e postmoderni, ne coglie appieno il significato e lo vive con interiorità. Già il “crescendo” del pannello proposto alla Biennale al Palazzo della Meridiana a Genova,  corredato di un video che costringeva l’osservatore ad osservare con la massima attenzione il suo divenire, preludeva ad ampi sviluppi con l’utilizzo del prodotto ceramico, la fotografia e il movimento che nella mostra attuale ha raggiunto momenti di sofisticata architettura, del tutto necessaria a creare il divenire urgente di pensieri-necessità interiori e trovare il completo coinvolgimento dell’osservatore: in questo modo lancia messaggi stimolanti che scuotono la coscienza e non la appiattiscono in stretti e ristrettivi giudizi di compiacente ammirazione passiva di fronte ad un’opera d’arte nella quale la tecnica riesce ad ottenere la più completa realizzazione dei contenuti concettuali.

Gabriella De Gregori

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: