Attualità

Liguria Salute cambia l’assistenza sanitaria

Si chiama Consorzio Liguria Salute e aggrega, coinvolgendoli in un progetto pilota sperimentale voluto dalla regione Liguria, i 7 Centri Salute da anni attivi in provincia di Savona. L’iniziativa, che coinvolge un insieme di 70 medici e un’utenza di oltre 100 mila pazienti, è stata presentata ieri nella sede dell’Unione Industriali di Savona.

I pilastri su cui si fonda il Consorzio Liguria Salute sono due: da un lato il progetto di sperimentazione gestionale per l’assistenza integrata sul territorio presentato dall’Asl 2 Savonese e approvato dalla giunta regionale della Liguria l’8 marzo scorso; dall’altro i Centri Salute che dal 2004, in forma autonoma, offrono continuità assistenziale per 12 ore giornaliere, tutti i giorni dell’anno, e che nel tempo sono diventati punto sanitario di riferimento – unico in Italia – per le cure primarie attraverso accordi con Asl e Comuni: con 10 anni di anticipo sul Decreto Balduzzi. La delibera regionale apre una fase sperimentale della durata di cinque anni, con i Centri Salute che si aggregano in forma consortile, diventando un unico interlocutore dell’Azienda Sanitaria e mettendo le basi di un nuovo modello organizzativo della sanità, più efficiente e meno costoso. Obiettivi e opportunità sono stati illustrati, nel corso della conferenza stampa, da Francesco Bogliolo, Presidente del Consorzio Liguria Salute; Ugo Trucco, Presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Savona; e da Flavio Neirotti, Direttore Generale dell’ASL 2 Savonese. Erano presenti, inoltre, Claudia Agosti, Direttore Sanitario ASL 2 Savonese; Graziella Baldinotti Tizzoni, Direttore Amministrativo ASL 2 Savonese; Dino Dessì, Direttore S.C. Medicina di Base e Specialistica ASL 2 Savonese, oltre ai responsabili dei 7 Centri Salute della provincia di Savona: Alassio, Albenga, Loano, Pietra Ligure, Finale Ligure, Savona, Cairo Montenotte.  “L’assistenza integrata sul territorio – spiega il dottor Bogliolo – è particolarmente importante sia per la cura delle malattie croniche, in quanto alternativa alle prestazioni erogate in regime di ricovero ospedaliero, sia per il contenimento della spesa farmaceutica, attraverso l’adozione di percorsi diagnostici e terapeutici condivisi”. L’aggregazione nel Consorzio consentirà inoltre di ampliare l’assistenza domiciliare medica, infermieristica e riabilitativa, e di attivare sul territorio una serie di ambulatori in grado di garantire continuità assistenziale e di incrementare l’attività “intramoenia” dei medici specialisti ospedalieri”. “I centri salute – ha sottolineato il direttore generale dell’Asl 2 Flavio Neirotti – assumono con la delibera regionale un ruolo di grande rilievo nella sanità pubblica, ponendosi come fattore determinante nel processo di cambiamento del quadro sanitario della provincia e dell’intera regione. Attraverso il Consorzio sarà sperimentato un modello rivolto a cambiare in meglio un sistema sanitario che ha bisogno, per sopravvivere, di una decisa revisione di compiti e di ruoli. Di qui anche la decisione di integrare sempre di più gli ospedali di Albenga e Cairo come strutture del territorio con i due principali nosocomi di Savona e Pietra Ligure”. Soddisfazione anche da parte del presidente dell’Ordine dei Medici Ugo Trucco: “Il consorzio è il segno tangibile di una medicina che cambia e si adegua ai tempi. Punti qualificanti sono una maggiore e migliore collaborazione tra colleghi, e un minor carico di lavoro per gli ospedali in relazione alle patologie meno gravi. Presto saranno individuate anche quattro aree di intervento: per ipertensione, scompensi, bronco pneumopatie e diabete.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: