Economia

Niente ferie ad agosto per la cassa integrazione

La corsa alla Cassa Integrazione non si ferma nemmeno ad agosto, mese di ferie, e ancora una volta la provincia di Savona registra un ricorso più elevato rispetto ai dati nazionali, cresciuti del 18,7%, e addirittura in controtendenza rispetto all’andamento della Cig in Liguria, che sorprendentemente diminuisce del 21% nei confronti dell’agosto 2011.

In agosto – secondo i dati e le elaborazioni diffusi dalla sede Inps provinciale – le ore autorizzate sono state 222.578, rispetto alle 136.985 ore dello stesso mese del 2011; l’aumento, 85.593 ore, è pari al 62,5%. Complessivamente, nei primi otto mesi dell’anno, si è così raggiunta quota 2.000.596 ore, contro 1.726.013 ore del 2011, con 274.583 ore in più ( + 15,9% ). Gli interventi di cassa integrazione ordinaria in agosto sono aumentati del 99,1% (quasi raddoppiati), mentre nella media dei primi otto mesi l’incremento sul 2011 è stato del 48,2%. Gli interventi straordinari (Cigs) nell’agosto 2012 ammontano a 81.617 ore rispetto alle sole 3.425 ore autorizzate nel 2011. Complessivamente la Cigs nel periodo gennaio-agosto ha totalizzato 669.342 ore, con una diminuzione di 278.190 ore sui primi 8 mesi del 2011 (-29,4%). La cassa in deroga, con 74.544 ore autorizzate nel mese di agosto 2012, ha registrato un sensibile rallentamento rispetto alle 100.206 ore di agosto 2011 (-25,6%). Se si considerano però, gli otto mesi del 2012, il totale sale a 721.345 ore, quesi raddoppiato (+96,5%) rispetto allo stesso periodo del 2011, quando le ore autorizzate erano state 367.055. La cassa in deroga, ancora una volta si dimostra uno strumento di notevole importanza a sostegno del reddito delle famiglie, intervenendo in tutte quelle situazioni produttive, sia in piccole sia in grandi aziende, che non hanno più la possibilità di utilizzare le procedure di legge, in quanto hanno usufruito tutto il periodo a loro disposizione previsto dalle normative.  Prendendo in esame i singoli settori produttivi, gli interventi della cassa integrazione nei primi otto mesi dell’anno hanno registrato un incremento costante in tutti i settori, coinvolgendo gran parte delle aziende della provincia, e una media di oltre 1.650 lavoratori in cassa ogni giorno a zero ore. L’utilizzo maggiore è da attribuire al settore industriale, con oltre il 62%. Il settore edile ha totalizzato il 18% delle ore (con un incremento del 38% rispetto al gennaio-agosto 2011), gli artigiani si attestano al 5% delle ore (+51% da un anno all’altro), mentre a risentire maggiormente della crisi è il settore commercio, che utilizza il restante 15% del monte-ore ma che ha fatto registrare un vistoso peggioramento rispetto allo scorso anno (+94%).
I trattamenti di disoccupazione e mobilità ad oggi sono 8.154, ovvero 1.539 unità in più rispetto allo scorso anno (+24%). Considerando la media dei cassintegrati a zero ore, si possono stimare in oltre 9.400 i lavoratori savonesi che usufruiscono di indennità dell’Inps a sostegno del reddito.
“Nel complesso – è il commento del presidente provinciale dell’Inps Giancarlo Battaglino (nella foto) – questi otto mesi del 2012 seguono lo stesso trend degli ultimi mesi del 2011, con una costante crescita dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali, che conferma una economia molto debole in fase decisamente recessiva”. “Gli unici spiragli di luce che si intravedono – prosegue Battaglino – sono rappresentati dal sostanziale disco verde all’apertura deui cantieri delle grandi opere nel Vadese, sia la piattaforma Maersk sia la ristrutturazione della centrale termoelettrica Tirreno Power, che ha ottenuto l’autorizzazione ambientale necessaria ad avviare i lavori senza dover fermare la produzione. Si tratta di notizie molto importanti per la provincia di Savona, stretta nella morsa di una crisi che non dà segnali di uscita per il resto del 2012. Vorrei anche spendere qualche parola per il grande impegno profuso dagli operatori dell’INPS di Savona nelle azioni a sostegno del reddito dei lavoratori. Basta vedere la tempestività delle definizioni delle molte pratiche che quotidianamente arrivano agli uffici per richiedere la cassa o la disoccupazione. Liquidare subito queste pratiche significa dire dare un minimo di tranquillità a quelle famiglie che hanno questa indennità unica fonte di reddito per il loro sostentamento”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: