Attualità

Canavese si congeda con il piano triennale

Centottanta milioni di euro: è la dote – in progetti – con cui l’ingegnere Rino Canavese si congeda dell’Autorità Portuale dopo 36 anni trascorsi prima come tecnico, poi come capo dell’ufficio tecnico, segretario generale e presidente, prima di passare le consegne, nei prossimi giorni, al suo successore, Gianluigi Miazza.

Gli interventi più rilevanti – e questa è la vera, complessa “eredità” lasciata dal presidente dell’Authority nella sua attuale veste di commissario – riguardano le opere indispensabili all’operatività della piattaforma multipurpose di APM Terminal a Vado Ligure. Il prolungamento della diga foranea a protezione delle nuove opere costerà da solo 80 milioni di euro: la diga sarà allungata di 500 metri e consentirà anche di ricavare accosti per navi ro-ro e nuovi spazi operativi. Altri 23 milioni sono messi in preventivo per la realizzazione del sovrappasso sulla via Aurelia per collegare il terminal contenitori ai varchi portuali che saranno realizzati sulle aree ex Fornicoke con un’ulteriore spesa di 11 milioni. Lo spostamento (e interramento) degli oleodotti attualmente sistemati lungo il torrente Segno costerà 2 milioni 365 mila euro, l’adeguamento dello scalo ferroviario portuale per adattarlo all’operatività di Metrocargo (nella foto un tratto dell’impianto pilota), il sistema di caricamento dei contenitori da camion a vagone ferroviario e viceversa, richiederà 2 milioni 900 mila euro. Sei milioni saranno necessari per la realizzazione di nuove case per gli abitanti di località Gheia, nella zona di Porto Vado più vicina agli impatti della piattaforma. Tre milioni sono destinati alla costruzione del nuovo centro culturale (con biblioteca e auditorium) nell’area di separazione tra Vado centro e le nuove opere portuali, 550 mila euro serviranno per la sistemazione delle aree demaniali di Porto Vado, mentre 4,5 milioni è la spesa prevista per gli impianti di alimentazione elettrica della piattaforma stessa. Dieci milioni (in aggiunta ai 150 mila euro già impegnati per il concorso di idee) serviranno a riqualificare le aree di separazione tra il Terrapieno Sud di Porto Vado e la spiaggia di berteggi. Infine 16 milioni sono previsti per il nuovo casello autostradale di Bossarino. Quanto al bacino di Savona, 7,3 milioni sono destinati a completare il terminal rinfuse agli Alti Fondali, con l’allungamento della banchina (30 metri con fondale a meno 18 metri), 6,8 milioni saranno utilizzati per risistemare ed adeguare i capannoni ex Italsider, con qualche inevitabile demolizione 3 milioni saranno assorbiti da lavori di manutenzione. Lungo la zona a mare di Savona è prevista la sistemazione dell’attraversamento ferroviario sui giardini del Prolungamento, il riordino della spiaggia sotto piazzale Eroe dei Due Mondi, la risistemazione del terrapieno di Zipola e la sistemazione del litorale tra rio Solcasso e il pontile Enel, a Vado Ligure. Infine 500 mila euro saranno spesi, nell’ambito della costruzione – già in corso – della nuova sede della Port Authority, per la creazione di un percorso riservato ai pedoni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: