Attualità

Legalità e moralità per battere crisi e sfiducia

Si era cominciato, anni addietro con i tagli delle stazioncine ferroviarie, (primo biglietto da visita per il turista che arriva in Liguria in treno e viene accolto da edifici in rottamazione), poi si è passati agli accorpamenti scolastici. Lo Stato era in deficit e si doveva risparmiare! La scure si è abbattuta anche sulla Sanità e sono state chiuse anche alcune sedi provinciali della Banca d’Italia per non farci mancare nulla.

Ora la mannaia pencola sulle prefetture, sui tribunali, sulle province e via di questo passo. La massaia che deve vivere con milletrecento euro mensili penserà: abbiamo rinunciato ad alcuni servizi dello Stato, abbiamo risparmiato e quindi avremo i conti in ordine. E invece no! Il deficit continua crescere. Sfiora i duemila miliardi di euro! Roba da capogiro! Le cause sono sotto gli occhi di tutti: corruzione, assunzioni clientelari, evasione fiscale, illegalità diffusa, lavori pubblici faraonici solo per i costi, e mai compiuti! E il cittadino onesto che continua a credere nello stato di diritto, baluardo della legalità continua a pagare. Un dato è emblematico su tutti: da quando sono state istituite le Regioni, le offerte dei servizi sanitari sono rimaste immutate e la spesa s’è raddoppiata. Abbiamo semplicemente esteso il diritto al malgoverno! Non possiamo dire che la colpa sia americana, o greca, o spagnola, o tedesca o dei tecnici, e fare finta che il problema e la responsabilità dell’immenso debito italiano non sia stata di una classe politica, quella sì, che ha gestito il paese in senso antipolitico e solo partitico! Proviamo a dire basta almeno alla corruzione, non per un principio morale e un dovere legale, seppur sacrosanti, ma perché non possiamo più permettercela! Si è detto che la situazione attuale è anche figlia di un sistema in cui la sanità come l’istruzione e i servizi sono stati garantiti con spese che andavano ben oltre le nostre possibilità. Io penso (e non solo io) per contro che la nostra condizione economica preoccupante sia dovuta principalmente ad una pessima gestione delle risorse pubbliche. Ma non dimentichiamo che siamo tutti sulla stessa barca che sta in cattive acque; tutti dobbiamo gottare perché c’è ancora il pericolo di naufragio. L’insidia maggiore ci proviene dalla speculazione internazionale e da un paese come l’Europa che non sa difendersi perché è l’unico al mondo che ha una moneta unica senza avere alle spalle una politica economica unitaria. Siamo ancora troppo fragili! Purtroppo oggi è a rischio anche il sistema produttivo italiano in tragico declino. Gli stessi industriali parlano di <soffocamento>. Pesano anche qui, fattori che poco hanno a che fare con la globalizzazione e molto con i mali di casa nostra: dalla difficoltà del credito che colpisce specialmente le piccole e medie imprese, ai ritardi dei pagamenti della Pubblica amministrazione, a debolezze industriali mai risolte con un progetto serio di ricerca e di modernizzazione, alla poca considerazione del merito, delle competenze e dell’impegno a discapito dei favoritismi e dei nepotismi per non parlare dei fattori ambientali che vanno da un prezzo dell’energia più alto dei concorrenti europei alla lunghezza incalcolabile dei tempi della giustizia e della burocrazia. E le prospettive politiche quali sono? Entrambi gli schieramenti sono alle prese con problemi di rinnovamento generazionale, di gruppi dirigenti usurati e litigiosi, di indagini di magistrati che hanno colpito esponenti molto importanti di una parte e dell’altra, oltre che di forte concorrenza di nuovi movimenti e della cosiddetta <antipolitica>. Già Tocqueville fautore del pensiero liberale ottocentesco non trascurava i pericoli e le storture della società borghese: basti pensare al suo timore per la tirannia della maggioranza, per il conformismo della società democratica di massa, per il suo individualismo egoistico e per il suo materialismo edonistico ma ora abbiamo proprio toccato il fondo. Chi non crede ai valori della legalità e della crescita civile e morale deve arrendersi ai numeri che non mentono mai. Per fortuna ci è rimasta come somma giuda la Costituzione per riedificare finalmente un Paese <serio> e non solamente <normale> come auspicava un politico di vaglia, qualche tempo fa. Ah, dimenticavo: sarebbe meglio accludere anche i valori morali, ma forse chiedo troppo.

Gianfranco Barcella

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: