Politica

Tagli alle province, Palazzo Nervi fa ricorso al Tar del Lazio

“Il Governo ha purtroppo confermato il taglio di 500 milioni di Euro per le Amministrazioni provinciali, taglio che impatta pesantemente sui bilanci 2012 e, soprattutto, se applicato in questi termini porterà inevitabilmente molte Province al dissesto, ha dichiarato il Presidente Angelo Vaccarezza. La situazione è allarmante e grottesca allo stesso tempo, ci troveremo infatti a procedere agli accorpamenti delle Province con, paradossalmente, Enti che avranno bilanci in negativo. Se anche alcuni di questi riusciranno ad arrivare, con grande fatica, al pareggio di bilancio al termine del 2012, così non potrà essere per il 2013. Gli accorpamenti che le Province dovranno affrontare genereranno inevitabilmente un nuovo ente che sarà in default ancora prima della sua nascita. Il risultato sarà quindi quello di avere un Ente incapace, poiché impossibilitato, ad amministrare i territori.

Le tabelle a corredo del decreto lasciano poco spazio alle interpretazioni, ripartizioni delittuose che non tengono conto dei territori, del numero degli abitanti, delle identità delle province e del contesto regionale in cui esse sono inserite. Savona, provincia con 287.000 abitanti subirà lo stesso taglio della provincia di Varese che conta 887.000 abitanti, decurtazione addirittura identica a quella della provincia di Bologna che raggiunge quasi un milione di abitanti. Cifre quindi senza alcun criterio, inique, che catapulteranno gli stessi cittadini in un’Italia a diverse velocità. Un vero e proprio controsenso dove un savonese si troverà ad avere meno
diritti, come cittadini, ad esempio di un bolognese. A questo noi dobbiamo, nelle sedi opportune, ribadire il nostro chiaro NO. Questa mattina
quindi la Giunta provinciale ha approvato un’azione legale che si traduce in un ricorso al TAR del Lazio. La Provincia di Savona non esprime un semplice dissenso o una mera protesta ma agisce per vie legali contro un decreto, e lo ribadisco, iniquo. Un provvedimento necessario e indispensabile a tutela dei territori che abbiamo non solo il dovere di amministrare ma anche di difendere e tutelare. Auspico che anche altre Amministrazioni defraudate del loro diritto di esistere possano unirsi a noi in questa che deve diventare una battaglia per la salvaguardia di un Ente la cui esistenza è sancita e normata dalla Costituzione Italiana. Tutto questo in attesa del secondo Decreto legge sul riordino delle Province che alle ore 16.00 di oggi verrà discusso presso il Consiglio dei Ministri.”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: