Politica

Ombre sulla “Seconda Repubblica”

Vent’anni fa, al tempo di “Tangentopoli”, si pensava che il riscatto della politica italiana, che attraversava, come ora, una acuta crisi morale, sarebbe stata attuato da una nuova fase della vita della Repubblica Italiana, quella che già da allora e da ancora prima veniva definita la “Seconda Repubblica”. In realtà la “Seconda Repubblica” non è mai effettivamente nata.

Non può essere definito in modo tanto altisonante il nuovo corso della politica, che prese avvio con le elezioni del 1994 e che, come “fondante”, aveva una legge elettorale semi-maggioritaria e la candidatura a “Premier”, inventata da Silvio Berlusconi, non prevista allora, ne mai in seguito, da alcuna legge costituzionale né ordinaria e che poi è stata accettata, come convenzione, da tutti i partiti politici. La legge elettorale è stata poi modificata, come si sa, in senso peggiorativo, ricevendo epitteti di riferimento suino persino da chi l’aveva proposta e comunque, nonostante sia stata espressa una unanime volontà di elaborarne una nuova, è ancora vigente. Il “nuovo corso”della vita della Repubblica, se vogliamo usare un termine appropriato, non corrisponde proprio, dal punto di vista istituzionale, ad una Seconda Repubblica”, come tanti “opinion leaders” e giornalisti vorrebbero far credere o piace loro dire, forse in omaggio ad un paragone emulativo dei periodi repubblicani della storia della Francia, senza riflettere che dalla “Prima” alla “Quinta” delle “Repubbliche” francesi passa più di un secolo e mezzo, con intervalli di decenni fra la prima e la terza e con episodi di estrema gravità all’origine di ciascuna. In ogni caso, la“Seconda Repubblica” è abusivamente divenuta un’entità alla cui esistenza in genere si crede e che avrebbe dovuto condurre all’instaurazione di rapporti politici improntati alla trasparenza e ad un maggior rigore, all’evolvere dell’ordinamento statale verso un assetto federalista, alla moralizzazione della vita pubblica. Tutte illusorie chimere, per di più ambigue e false. La maggiore austerità che avrebbe dovuto derivare dalla portentosa legge elettorale fece lievitare il numero dei sette storici partiti italiani – che sembravano già troppi all’uomo della strada, anzi all’uomo qualunquista della strada – in un suo multiplo; sì che i nuovi raggruppamenti dai nomi fantasiosi (la parola partito doveva scomparire dal lessico),confluivano nei grandi “calderoni” del centro-destra o del centro-sinistra, ma non per questo perdevano la propria capacità di condizionamento e di intrigo ed i passaggi disinvolti da una schieramento all’altro, non raramente hanno costituito materia di discussione! L’orrendo termine vernacolare “inciucio”, ha purtroppo costituito una delle parole chiave del recente passato ed è divenuto familiare nel linguaggio dei giornali, dei salotti televisivi, dei politici, ed ha significato, per l’opinione pubblica, che le capacità di accordo sottobanco non sono state debellate da nessuna legge maggioritaria che, secondo quanto ritenevano i profeti del cambiamento (ahinoi!, tra costoro anche Mario Segni), avrebbe dovuto trasformare la politica e soprattutto le teste ma è da dubitare seriamente che le teste possano venir cambiate per legge! In più il degrado del livello culturale e del prestigio della classe politica, le candidature di personalità estranee se non proprio avulse dai requisiti che si vorrebbero pertinenti al personale della politica, l’assenteismo ed i “franchi tiratori”, i privilegi di coloro che siedono nelle assemblee legislative, il Parlamento ed i Consigli regionali, che continuano a costituire motivo di disapprovazione profonda e di perdita di credito, seppur non sempre a proposito, inquinano sempre, è più di prima, il mondo della politica, che appare pertanto sempre lontano dal “paese reale” ed inviso ad esso. A volte si legge o si sente dire: “Cose della prima repubblica…” o “non siamo più nella prima repubblica”, però sembra che, da questo punto di vista, non ci sia più “prima repubblica” della “seconda”! Il “federalismo” è stato poi il vero macigno insormontabile che ha condizionato vent’anni di politica! Premesso che “federalismo” secondo la dottrina giuridica, significa unione di entità distinte e non separazione di una entità unitaria, come era stato sottolineato da qualche giurista, si riteneva che la realizzazione di un maggiore decentramento delle amministrazioni regionali – un federalismo alla rovescia che del resto è stato istituito anche in Belgio od in Spagna – fosse una meta cui si dovesse assolutamente pervenire. Non che il decentramento e la richiesta di autogoverno o di una maggiore autonomia da parte delle regioni non costituiscano un aspetto complesso dei rapporti politici, o non esprimano un “malessere” della periferia attiva verso il centro immobile o non rappresentino istanze di cui tenere conto, specie nel nostro tempo, in cui l’azione legislativa e fiscale sono capillari. Non è questa la sede per approfondire tali temi ma l’ossessiva idea federalista, vuota peraltro, perché non si sa bene che cosa vogliano realmente decentrare i sostenitori di essa quando non parlano insensatamente di secessione, ha sviato l’attenzione da altre problematiche, ma i nodi sono venuti puntualmente al pettine… Il governo di centro sinistra degli anni di legislatura 1996 – 2001 cercò di raccogliere e di disciplinare le istanze e le rivendicazioni autonomistiche e la riforma dell’articolo 117 della Costituzione, qualunque cosa ne potessero pensare la Lega o l’opposizione di quegli anni, ha proiettato sensibilmente la Repubblica Italiana verso una forma regionalista o federalista. Le Regioni sono divenute “fonti primarie di diritto” , pertanto le norme da esse emanate hanno la parità con quelle statali e la figura del commissario di governo è pressoché scomparsa: d’altronde in un sistema in evoluzione verso il federalismo quale senso possono avere i controlli dello Stato centrale? Ed anche in questo caso i nodi sono venuti al pettine e tutto ha trovato la resa dei conti nella questione morale. Fu la questione morale a animare, vent’anni fa’, il periodo di “tangentopoli”; fu sotto la spinta di essa che scomparvero i partiti tradizionali, divenuti invisi all’opinione pubblica perché troppo coinvolti in finanziamenti illeciti, perché i loro leader erano accusati di indebite appropriazioni e di corruzione. Fu soprattutto questo ad indignare i cittadini-elettori, a far emergere la protesta, a rovesciare il sistema partitico precedente, non la richiesta di “federalismo” o la “governabilità” che allora era il nodo cruciale su cui le forze politiche dibattevano indefinitamente. E ora è come allora; la gente è indignata e scandalizzata per le appropriazioni personali che appaiono ancora più gravi, disinvolte e paradossali di vent’anni fa; i partiti che sostenevano la loro “diversità” sono anch’essi al centro di scandali ed è recente,ad esempio, e riguarda noi da vicino, la vicenda di Marylin Fusco. Le Regioni, che avrebbero dovuto essere l’intermediario necessario, di dignità semi-statuale, interprete prioritario dei bisogni dei cittadini, mediatore assoluto dei rapporti fra la comunità e lo Stato, sono cadute nel discredito ed i fondi a loro disposizione paiono essere stati oggetto di sperpero da parte di una classe politica locale accaparratrice e priva di scrupoli. Non sarà e non è certo così in tutti i casi, ma quelli accaduti bastano ad offuscare il sistema delle autonomie! Non pensi di defilarsi chi ha sostenuto ad oltranza il decentramento o federalismo che dir si voglia, si assuma le proprie responsabilità ideologiche e culturali, rifletta sul fallimento dell’idea che “federalismo” volesse dire risoluzione di tutti i mali! Comunque è sotto gli occhi di tutti che la cosiddetta e inesistente “Seconda Repubblica”, con tutti i suoi corollari, come le infauste due leggi elettorali, ha tradito tutte le sue premesse, tanto è vero che qualcuno, che non sa frenare le parole, sta già parlando del necessario avvento della “terza Repubblica” : sono trascorsi vent’anni in cui la scena è stata tenuta dal cesarismo berlusconiano, dall’opposizione ad esso, dal continuo sottofondo delle rampogne leghiste, da una sinistra che non riesce a trovare un equilibrio fra le sue componenti, col risultato di far cadere i governi che ingegnosamente aveva saputo costituire: è emersa così una crescente sfiducia dei cittadini che ha creato le premesse per il sorgere di movimenti come quello di Grillo. Poi i gravi problemi congiunturali si sono manifestati in tutta la loro gravità, ponendo anche il nostro Paese davanti all’abisso della crisi finanziaria; l’ultimo governo Berlusconi non era capace di affrontarli, sennò non si sarebbe dimesso e così “le forze politiche responsabili”, per citare Pierferdinando Casini, si sono trovare ad appoggiare il governo Monti, all’insegna della razionalizzazione e del risanamento! Alla vigilia delle prossime elezioni politiche c’è da sperare che a cambiare davvero, come avrebbero dovuto cambiare vent’anni fa, più che le leggi elettorali, le Istituzioni rappresentative o la Costituzione, siano le “TESTE” dei politici!

Giorgio Siri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: