Cultura e Musica

“Tempus Fugit”: mostra di Liliana Cecchin

Domani alle ore 17 sarà inaugurata all’Oratorio de’ Disciplinanti del Complesso monumentale di Santa Caterina a Finalborgo la mostra di Liliana Cecchin “Tempus Fugit”, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Finale Ligure.

Si legge nella presentazione del catalogo redatta da Alessandra Redaelli: “Quando, ormai un po’ di anni fa, ho conosciuto il lavoro di Liliana Cecchin sono rimasta colpita da quanto profondamente i suoi scorci metropolitani affondassero dentro di me. Quella piccola folla anonima che si affrettava verso un punto invisibile fuori dalla tela, quei corpi che si urtavano senza vedersi, ignari gli uni degli altri, facevano parte del mio vissuto in una maniera quasi primordiale. E non solo perché io, milanese doc, sono stata svezzata a pane e metropolitana, trascinata per mano mille volte, anch’io, da un adulto frettoloso da qualche parte che nemmeno ricordo; piccola, persa in una folla grigia e uniforme tanto più grande di me, folla di cui mi saltavano agli occhi proprio le gambe, i piedi, le borse oscillanti. Non solo. Ma anche perché la consapevolezza di questo mondo che corre fa parte oramai di tutti noi che viviamo in questo scorcio di inizio millennio. Sia che abitiamo in una metropoli, sia che viviamo in un piccolo paese, ma che alla metropoli, volenti o nolenti, siamo costretti a fare riferimento, calamita imprescindibile e ipnotico polo d’attrazione.  Ecco, il lavoro di Liliana Cecchin parla proprio di quel tempo che non esiste, il tempo non vissuto che trascorre tra il partire e l’arrivare. Non il tempo autentico di chi siede in treno accanto al finestrino e osserva il paesaggio scorrere in sintonia con il flusso dei propri pensieri, e nemmeno quello di chi sale in auto, accende l’autoradio e lascia che la strada lo accolga, che il viaggio lo faccia suo. Quello di Liliana è il tempo che si vorrebbe cancellare con un colpo di spugna, escludere da una vita in cui l’attesa (di una lettera, di una telefonata, di quel documento di cui abbiamo bisogno) è stata azzerata da tablet, mail, cellulari, scansioni, skype, facebook, twitter. E’ il tempo nullo dello spostamento obbligato, troppo breve e caotico, gremito di troppe intrusioni, perché il cervello possa aprirsi al pensiero, volare ad altro. E’ un tempo contratto in se stesso, passato a contare stazioni e a scrutare l’orologio. Tempo fermo e crudele in cui ogni uomo è una monade, ignaro e disinteressato a ciò che gli succede accanto. La folla che Liliana fotografa, e di cui poi coglie l’essenza sulla tela, va così veloce da lasciare vuoti enormi, spazi che l’artista colma di una luce così vivida da farsi abbagliante. Questa elegantissima scansione degli spazi del quadro è un’altra delle caratteristiche dei lavori di Liliana che mi hanno subito incantato. Perché quel vuoto lì è solo un vuoto apparente, come apparente è il senso di comunità e di insieme di tutte quelle persone che corrono. Quel vuoto catalizza lo sguardo proprio per la sua insondabile profondità, sia esso pura luce o l’attenta riproduzione di una pavimentazione stradale. E il vuoto non è solo creato dalla fuga periferica dei soggetti ma anche, spesso, dalla scelta di abbassare repentinamente l’inquadratura, riducendo i personaggi alle sole gambe e relegandoli a una parte esigua nella zona più alta della tela. Ecco allora che la sensazione dello spettatore è quasi quella di un capogiro, di uno smarrimento, di stare inseguendo qualcosa che non si raggiungerà mai. Sensazione enfatizzata dal fatto che molto spesso i personaggi ritratti dall’artista ci mostrano le spalle, troppo frettolosi e distratti per scambiare uno sguardo di comunicazione, non solo tra loro, ma anche con noi”.

La mostra sarà visitabile fino al 2 dicembre 2012, dalle 15 alle 20, tutti i giorni escluso il lunedì. L’ingresso è libero.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: