Attualità

La finale di serie B di pallapugno mediaticamente oscurata da Rai 3 Piemonte

Errare è umano, perseverare è diabolico: dopo la vicenda Rai3 Piemonte che, oltre aver dimenticato la Pallapugno nei mesi di settembre e ottobre, ha oscurato la Finale di andata di serie A ad Alba. Grazie ad una serie di lamentele che ho raccolto negli sferisteri, e ho ribaltato con mail ad appassionati e istituzioni, e a seguito di una telefonata fra il sottoscritto chiamato, in merito alla vicenda, dal bravo giornalista Gianfranco Bianco, si e risolto il tutto con una splendida attenzione (forse riparatrice) alla finale di ritorno a Canale, con 6 servizi nei tg di Rai3 Piemonte nelle 48 ore della Finale (prima e dopo).

Ora la storia si ripete: la Finale di spareggio di serie B a Cuneo è passata nell’assoluto silenzio. Eppure ho sentito da Rai 3 tantissime notizie, importanti anche se minori, come minore può essere la notizia della Finale di serie B di Pallapugno, o almeno il risultato finale con una nota di una riga, anche senza il servizio video, per esempio: “si è svolta la finale di serie B a Cuneo e ha vinto tizio”, una notizia che dura 5 secondi, che vale tanto come altre notizie minori che sono state date. Capisco che il Presidente della Federazione, On. Enrico Costa, abbia paura a chiedere più attenzione alla Rai, o a lamentarsi verso la Rai, per non inimicarsi i giornalisti, e mantenere cordiali rapporti per dare visibilità alle sue “personali notizie” sulla sua personale carriera politica. Capisco l’appassionato che si lamenta, ma non può prendere la macchina e andare sotto la Rai a protestare. Capisco i dirigenti delle società di pallapugno, alle prese con atavici problemi economici, ma io ho tempo e disponibilità per sollevare questa questione, che rivela un cattivo approccio mediatico nei confronti della pallapugno da parte del “servizio pubblico”. Nel 2000 successe più o meno la stessa cosa (ma eravamo a luglio), e allora feci una raccolta di firme negli sferisteri, dal titolo: “10.000 firme per chiedere alla Rai 3 Piemonte più pallapugno”, ne raccolsi 9.700, ma in quell’anno la Rai 3 (dopo essere stata contestata la Troupe nelle sferisterio di Magliano Alfieri), fece molta attività mediatica verso la pallapugno, e alcuni onorevoli si fecero anche portavoce in Parlamento di questo disparità di trattamento. Quindi, che fine ha fatto la finale di serie B? L’hanno giocata? Chi l’ha vinta? Quali saranno le prossime squadre di serie A nel 2013? Quali saranno le prossime squadre di serie B nel 2013? I miei numeri dicono che la pallapugno ha in Piemonte oltre 200.000 persone che la conoscono, anche senza frequentarla, che possono “essere felici di averne notizie ” e penso che siano comunque più (con tutto il rispetto) del Cuneo calcio in C1, della squadra di hockey su prato di Bra, o dell’hockey su ghiaccio piemontese. Con questo però non voglio dare patenti di importanza a questo o quello sport, chiedo solo un adeguata attenzione anche verso la pallapugno. Premesso che non ho interessi economici da difendere, ma da appassionato, chiedo al servizio pubblico l’attenzione che meritano gli sport locali e tradizionali del territorio, qualunque essi siano. Se mi date la notizia che nel piccolo Teatro del piccolo Paese c’è una bella rappresentazione teatrale, nel nome della Cultura e del Territorio, Io e mille altri ne siamo felici, ma scusate, vorrei anche sapere che c’è una semifinale o una finale di pallapugno. Per soddisfare la curiosità, ben sapendo che i settimanali locali sono stati, anche in questa occasione, molto attenti e generosi verso la pallapugno e in particolare la finale di B, visto l’oscuramento della Rai, ricordo che la finale di B era fra il Peveragno (Cn) e lo Spigno Monferrato (Al). Per non parlare di Rai 3 Liguria che sono ormai anni che ignora questa appassionante disciplina. La ringrazio se vorrà pubblicare questa mia lettera aperta, nata di fronte ad un piatto di castagne con amici, uniti dalla stessa passione.

Corrado Vada

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: