Cultura e Musica

Due appuntamenti savonesi per i nuovi sudditi

“Sempre di più ogni giorno – dicono alcuni cittadini indignati – ci rendiamo conto di essere diventati ormai dei sudditi e non dei cittadini, mentre lo spazio di libertà individuale e lo stato di diritto continuano a venir meno”. Con queste premesse molti lettori si accorgono a seguire con grande interesse due appuntamenti culturali a Savona. Il primo è in programma domani pomeriggio (alle ore 16).

Si tratta della presentazione del libro “Sudditi – un programma per i prossimi 50 anni” edito dall’Istituto Bruno Leoni, che vedrà la presenza di Carlo Stagnaro, uno degli autori e membro fondatore del movimento “ fermare il declino”. Si confronteranno con l’ autore, sui temi del fisco, della giustizia, della concorrenza, dell’ uguaglianza e della parità di opportunità tra i cittadini, Silvia Enrico e Marco Beltrami, coordinatori regionali di Fermare il Declino. L’iniziativa avrà luogo presso la sala del Consiglio del Comune di Savona. Il volume-manifesto dell’ Istituto Bruno Leoni è un viaggio in un Paese in cui lo Stato è rimasto ancora il Sovrano e i cittadini sono in troppi casi assoggettati all’arbitrio statale. L’altro appuntamento è in programma mercoledì (alle ore 17) nella Sala Rossa del Comune di Savona ed è stato organizzato grazie al Centro di Documentazione Logos ed alla collaborazione con la Libreria Ubik di Savona. Si tratta della presentazione del volume “Quel che resta dell’anima”. Il pomeriggio di discussione sarà aperto dal una conferenza dell’autore Edoardo Boncinelli, che sarà presentato da Sergio Cirio. Nel suo volume Boncinelli, attraverso un’indagine dei meccanismi della mente, che parte da Aristotele e Agostino, passa attraverso la filosofia cartesiana e la psicoanalisi freudiana, giunge ai preziosi contributi forniti dal neurocognitivismo. L’autore pone nuovi interrogativi sull’anima e sul libero arbitrio e risponde ad alcune questioni fondamentali. In che modo conosciamo il mondo? Cosa lega la percezione all’idea di anima? Possiamo quindi definirci liberi? Il risultato è una sorta di autobiografia intellettuale, un viaggio affascinante tra i mille volti dell’anima.

Claudio Almanzi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: