Attualità

Le competenze tecniche aiutano chi cerca lavoro

Una Sala della Sibilla, sul Priamàr, gremita di studenti degli istituti superiori ha seguito l’incontro organizzato dall’Unione industriali di Savona nell’ambito del progetto Orientagiovani. 
L’incontro “Scienza e tecnica: frontiere dell’innovazione nell’impresa. Gli studi tecnico-scientifici come passepartout per sviluppare il proprio progetto professionale nel settore industriale”  nasce come momento di incontro tra il mondo imprenditoriale del territorio e gli studenti degli istituti superiori, in particolare quelli degli istituti tecnico-scientifici, che si trovano di fronte alla scelta di entrare nel mondo del lavoro o scegliere di proseguire negli studi universitari.

La formazione scolastica è un aspetto che ha ripercussioni importanti sul il tessuto economico – e in particolare produttivo – del Savonese che attualmente crea un volume d’affari di quattro milioni di euro annui, occupando 25.000 addetti con contratti a tempo indeterminato con una scolarità che per oltre il 50% comprende laureati o diplomati.
“Presentare il tessuto produttivo locale, capire in  cosa consistono le professioni ed i valori dell’impresa – ha detto i presidente dei Giovani Industriali, Elisabetta Cappelluto – diventano azioni fondamentali per traghettare  i giovani dalla scuola al mondo dell’università o del lavoro e affinché possano fare scelte consapevoli. Il gap tra domanda e offerta di tecnici  altamente qualificati va ridotto, per rispondere alle chiamate delle imprese del nostro territorio che sono alla ricerca di diplomati e laureati, per sviluppare competizione e irrobustire quel bagaglio di conoscenze che ha reso il made in Italy noto in tutto il mondo. Nonostante la crisi esistono ancora opportunità ma permangono anche pregiudizi  che allontanano i giovani dalle scuole ad indirizzo tecnico-scientifico”.
“Il comparto industriale è, dopo il turismo, uno dei pilastri dell’economia locale – ha detto il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza – e in un momento di crisi il nostro territorio ha 2 miliardi e mezzo di potenziali investimenti  in progetti industriali che sono un’importante opportunità di rilancio”.
E’ toccato poi ai manager di alcune delle più importanti realtà industriali  del savonese riportare testimonianze dei progetti e delle esigenze di professionalità specifiche; sono intervenuti Federica Modugno di Bombardier Transportation Italy; Denise Marenco di Schneider Electric; Davide Carrara di Infineum; Francesca Pagano di Verallia Saint Gobain e Chiara Corti di Tirreno Power.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: