Attualità

I Maya e la fine del mondo

Il 21 dicembre è passato e la vita continua a trascorrere velocemente come sempre. E che dire dell’infinità di libri e siti Web apocalittici che annunciavano la fine del mondo per il 21 dicembre di quest’anno? Stando a una di queste predizioni, un pianeta chiamato Nibiru sarebbe stato in rotta di collisione con la terra e pare che l’impatto era previsto proprio per dicembre 2012. Teorie di questo tipo, del tutto prive di fondamento, sono state messe in relazione a certe interpretazioni di un antico calendario maya che secondo alcuni sarebbe terminato con il solstizio d’inverno del 2012.

Suggestionati da queste tetre predizioni alcuni hanno costruito un rifugio in giardino o hanno speso un’ingente somma di denaro per assicurarsi una stanza all’interno di grandi bunker sotterranei. Altri hanno tagliato i ponti con la società o, come la signora Ferrero Teresa di Cairo, hanno stipato nella dispensa ingenti quantitativi di cibo a lunga conservazione perché , a sua detta, ‘non si sa mai’. C’è anche chi di queste cose non vuole neppure sentir parlare e rifiuta in modo categorico l’idea di un’imminente fine del mondo. Alcuni scienziati della NASA affermano: “Nel 2012 alla terra non succederà assolutamente nulla. Il nostro pianeta se l’è cavata bene per oltre 4 miliardi di anni, e in tutto il mondo gli scienziati seri sanno che il 2012 non rappresenta affatto una minaccia”. E hanno avuto ragione; questi  scenari apocalittici si basano su congetture di uomini, e quando si tratta di predire il futuro gli esseri umani sono tutt’altro che infallibili. Anche  la Bibbia, il libro sacro dei cristiani, non dei maya, parla di fine del mondo, ma non dipinge affatto un quadro pessimistico del futuro. Spiega che di sicuro avverrà un grande cambiamento, ma a tutti coloro che fanno la volontà di Dio sarà garantita la salvezza. Inoltre la Bibbia non predice che la terra sarà incenerita ma che sarà trasformata in una dimora paradisiaca. Comunque molte persone sono preoccupate a causa dell’eccessivo aumento della popolazione e della mancanza di cibo e acqua che potrebbe derivarne. Altri si chiedono cosa succederebbe se ci fosse un crack finanziario di portata mondiale. E che dire dei disastri naturali, delle epidemie o di una guerra nucleare? Sarebbe un errore pensare che l’umanità non corra alcun rischio, o che solo gli ingenui possano credere che la fine del mondo sia qualcosa di più di una semplice storia da romanzo o da film di fantascienza. Ci sarà davvero una fine del mondo?

Elena Zoppi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: