Attualità

Auto e mobili: a Savona consumi in calo del 18%

Le stime elaborate dall’Osservatorio Findomestic Banca indicano che il reddito dei liguri è sceso in un anno del 2,5% attestandosi nel 2012 a quota 20.481 euro per abitante. Il reddito pro capite è più alto in provincia di Genova (21.383 euro), seguita da Savona (20.255), Imperia (19.173) e La Spezia (18.531). In Liguria, secondo Findomestic, sono stati spesi 1.476 milioni di euro per l’acquisto di beni durevoli, con un calo del 15% rispetto all’anno precedente.

La spesa media familiare risulta pari a 1.847 euro. La provincia di Savona appare come la più penalizzata dalla crisi, con una flessione del 18%, mentre Imperia e La Spezia si attestano intorno al -15% e Genova limita le perdite al –14,8%. Quello della mobilità è il comparto che ha registrato le flessioni più marcate: le difficoltà economiche e la stretta sui redditi delle famiglie hanno reso molto ponderate le decisioni sull’acquisto di auto nuove e moto. In Liguria sono stati spesi 354 milioni (-24% rispetto al 2011) per l’acquisto di autovetture nuove e 85 milioni (-23,6%) per l’acquisto di motoveicoli. Minore la flessione registrata dal mercato delle auto usate, con consumi a 380 milioni di euro (-11,3%). Il settore della mobilità vede Genova in testa ai consumi complessivi in tutti i comparti, con 186 milioni spesi per l’acquisto di autovetture nuove, 206 milioni per quelle usate e 50 milioni per i motoveicoli. Seguono a lunga distanza Savona, terza per volumi di acquisto di auto nuove (60 milioni) e seconda per il comparto dell’usato (64 milioni) e delle moto (72 milioni); La Spezia, seconda nel comparto auto nuove (64 milioni), ma ultima nel settore dell’usato (50 milioni) e dei motocicli (9 milioni); Imperia, in ultima posizione per i consumi di auto nuove (43 milioni) e terza per consumi di auto usate (54 milioni) e moto (12 milioni).
L’arredamento ha subito una contrazione del 7% con una spesa complessiva di 370 milioni di euro. I mobili, in discesa ma a un ritmo inferiore rispetto alla media nazionale, rappresentano la seconda voce di spesa per le famiglie liguri. Genova nel 2012 fa registrare volumi complessivi di acquisto pari a 205 milioni (-7,7%), seguita da Savona con 64 milioni (-8%), La Spezia con 52 milioni (-7,4%) e Imperia con 49 milioni (-6,7%).
Per gli elettrodomestici e i prodotti informatici la spesa è calata, rispettivamente, del 26,9% e dello 0,8% (gli acquisti hanno valso 104 e 68 milioni di euro). I 116 milioni spesi complessivamente per elettrodomestici grandi e piccoli in Liguria sono stati suddivisi tra i 65 milioni di Genova (-5% sul 2011), i 20 milioni di Savona (-5,9%), i 16 milioni della Spezia (-6%) e i 15 milioni di Imperia (-6,2%).
Per quanto riguarda l’acquisto di elettronica di consumo, dopo i risultati positivi dell’anno precedente, dovuti al passaggio al digitale terrestre, il comparto è diminuito in tutte le province: Imperia ha registrato un -24,2%, seguita da Genova con -26,7% e La Spezia (- 27,8%). Savona mostra il calo più significativo: -29,2% rispetto al 2011. Il comparto dei prodotti per l’informatica ha registrato un calo inferiore rispetto alle altre categorie di consumo: anche per questo settore è Genova a far registrare i consumi maggiori (37 milioni),seguita da Savona (12 milioni), Imperia e La Spezia (9 milioni). Quanto alle previsioni 2013, le decisioni di spesa delle famiglie liguri saranno ancora condizionate dagli effetti della manovra di bilancio e della fase recessiva sul reddito disponibile. Anche se con una forte attenuazione rispetto al 2012, la domanda di beni durevoli si manterrà ancora in moderato calo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: