Economia

Cassa integrazione: a Savona più 53,1%

Molto male, il 2012, per quanto riguarda l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, in particolare i dati della cassa integrazione hanno fatto registrare in provincia di Savona un forte incremento rispetto ai dati medi regionali. Anche per trattamento di disoccupazione e mobilità si è registrata una crescita rispetto al 2011, mentre i dati nazionali e liguri sono rimasti stazionari, sugli stessi valori dell’anno precedente.

Questo in sintesi il trend della crisi occupazionale visto dall’osservatorio di Giancarlo Battaglino presidente del Comitato provinciale Inps. I numeri. Nel 2012 in provincia, sono state autorizzate complessivamente 3.822.241 ore di cassa integrazione guadagni (cig ), il 53,14% in più rispetto al 2011, quando le ore autorizzate furono 2.495.984. Ad oggi sono coinvolte in procedimenti di cig oltre un centinaio di aziende e un numero medio di 1.850 lavoratori a zero ore/mese rispetto ai 1.200 dell’anno precedente. Il ricorso alla cassa, nel Savonese, risulta addirittura raddoppiato nel confronto con il 2009, ed è andato di gran lunga oltre l’andamento regionale, che si è mantenuto su valori “accettabili”, con un incremento 3,80% (16.081.542 ore rispetto alle 15.493.336 del 2011), mentre i dati nazionali indicano un incremento del 12,10%, superando il miliardo di ore di cig autorizzate. L’incremento maggiore a livello provinciale è stato ancora una volta registrato nel settore dell’industria, con 2.635.112 ore autorizzate (+50% in un anno), con un utilizzo reale di oltre il 70% del totale autorizzato. Comunque tutti i comparti economici hanno avuto una significativa crescita. In particolare il commercio che passa dalle 249.000 ore nel 2011 a 476.800 (+91,60%), l’edilizia, che ha superato il mezzo milione di ore con un +40,82% e il settore dell’artigianato che registra un +50,57%. Esaminando le tre gestioni della cig, si nota che la cassa straordinaria ha avuto un incremento più lieve (16,44%), la ordinaria ha invece raddoppiato le ore autorizzate, con una crescita del 107,54%, mentre la cassa in deroga ha segnato un incremento dell’81,76%. “Il 2012 – è il commento del presidente Inps, Gianfranco Battaglino -, vanificando ogni timida speranza di inversione di tendenza, ha fatto registrare un forte incremento dell’utilizzo degli ammortizzatori. Sono crollati i consumi in ogni comparto del commercio, dall’abbigliamento all’alimentare, con pesanti ricadute sul territorio savonese”. Non è stato migliore l’andamento di disoccupazione e mobilità. In complesso c’è stato un incremento del 21%; la disoccupazione ordinaria e speciale da 10.787 richieste nel 2011 è passata a 12.557 con (+1.770); la mobilità da 275 a 406. Si tratta di lavoratori che nel corso dell’anno hanno perso il posto di lavoro, sono stati espulsi dalla produzione. Il totale medio dei lavoratori interessati (a zero ore/mese) che hanno usufruito di ammortizzatori sociali, è passato da 12.262 (2011) a 14.804 (2012), con un incremento di 2.542 lavoratori pari al 20,73%. Cifre che, sommate agli iscritti nelle liste di disoccupazione in attesa di un posto di lavoro, fanno salire oltre quota 30 mila il numero dei savonesi in attesa di occupazione.

“Il probabile inizio dei grandi lavori su Vado Ligure è un fatto certamente positivo – aggiunge Battaglino -, ma il 2013 sarà ancora un anno di crisi per la nostra Provincia. Parlare di ripresa dell’economia savonese è certamente una affermazione auspicabile, ma non ci sono indicazioni economiche in questo senso: la caduta dei consumi e il ricorso massiccio alla cassa integrazione nel 2012 ci lascia un’economia in notevole difficoltà, con un apparato produttivo più fragile, con molte aziende, impegnate sul fronte dell’indotto industriale, in grande difficoltà”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: