Attualità

Niente campo da hokey al C.S.I. di Legino?

Una bella notizia davvero per il popolo dell’hockey savonese. Il tanto sospirato ed atteso campo di hockey in erba sintetica NON SI FARà PIU’, o – almeno – non si farà più al C.S.I. ove sembrava quasi cosa fatta dopo vent’anni di inganni, promesse, quasi-certezze e garanzie fasulle! Ha vinto la maggioranza, che sosteneva che le spese di realizzazione erano troppo alte soprattutto legate all’acquisto del terreno di proprietà della Curia vescovile da parte del Comune di Savona. Adesso il problema si sposta sul campo del “santuario” che a detta dell’amministrazione comunale potrebbe essere riadattato e messo a punto per ospitare calcio e hockey insieme con un sintetico che vada a soddisfare le esigenze di entrambe le discipline.

Pare che Dedercalcio, da roma, abbia inviato messaggi positivi in tal senso e che questa idea – probabilmente “l’ultima delle ultime”- possa lievitare e prendere forma. Ma, intanto passano e passeranno tanti altri mesi per non dire anni e i clubs savonesi di hockey continueranno a fare i salti da scimmia per giocare i loro campionati: il Liguria hockey sulla terra del santuario ed il SavonaHockey a smenare fior di euro sul sintetico di Genova. Una situazione che difinire grottesca è certamente dire poco ormai ha saturato ogni possibile pazienza da parte degli hockeysti.“ – non resta prendere atto – dice il delegato provinciale della FederHockey – Carlo Colla – di quanto è stato deciso: decisioni che, peraltro non mi stupiscono più di tanto. Vedremo il da farsi e restituiremo certamente l’accanimento con cui tale progetto C.S.I. di Legino si è voluto far naufragare. Cognomi e nomi non mi interessano e non ci interessano più di tanto: per noi esiste l’amministrazione comunale in quanto tale! Credo di parlar chiaro. Devo però dare atto, e come me tutto l’ambiente dell’hockey, che l’assessore dello sport Luca Martino si è battuto fino alla fine credendo in tale progetto, che avrebbe definitivamente risolto una volta per tutte i problemi del nostro sport a Savona. Evidentemente tutto ciò non è bastato! Evidentemente le promesse della campagna elettorale sono andate in “aria fritta”, ma d’altra parte non scopriamo certamente l’acqua calda! Non mi resta e non ci resta che ringraziare tutti coloro che hanno remato contro. Devo ancora capire adesso che il loro atteggiamento era legato effettivamente ad un problema di risparmio economico (cosa anche da noi desiderata e suggerita) o da una “voglia di non fare hockey. – ”Il campo del santuario? Rifarlo ed adattarlo ad entrambe le discipline del CALCIO e dell’HOCKEY? A noi hockeysti va benissimo! Peraltro abbiamo sempre dimostrato – credo – molta disponibilità e spirito di adattamento a tutto. Pare che la FederCalcio da Roma abbia inviato messaggi di apertura e di possibilismo. “ Se son rose fioriranno.”! Ma non solo soltanto io a credere che, anche per questa soluzione fattibile, verranno fuori altri problemi ed altri inghippi pur di mandare tutto all’inferno e di lasciare le cose come sono ancora un po’ di anni! Stanno considerando le Società di Hockey come dei veri e propri “straccioni” dello sport. Posso aggiungere che i campi da hockey in sintetico sono in costruzione oramai in tutte le città più piccole e con maggiori difficoltà economiche di quanto possa averle Savona: li, pero’, esiste la “volontà” di risolvere il problema per dare ad ogni disciplina una giusta e minima dignitosa sistemazione. A Savona tutto questo è fantascienza. In ogni caso staremo a vedere. Chi vivrà, vedrà! Posso solo confermare, interpretando il parere di tutti gli atleti, dirigenti, tecnici e famiglie dei gicatori e giocatrici, che l’hockey non morirà a Savona: va avanti e andrà avanti e crescerà come sta crescendo da molti e molti anni con fior di risultati e di titoli italiani vinti. Il vero rimpianto? Che questa città continui a tradire ed ingannare i suoi ragazzi adducendo scuse di ogni genere e relegando lo sport al fanalino di coda delle “ priorità” della stessa città.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: