Attualità

Il disastro Costa Concordia un anno dopo

E’ passato un anno da quel 13 gennaio 2012, giorno del disastro della Costa Concordia all’Isola del Giglio. Le conseguenze sul porto di Savona e precisamente sul terminal crociere si sono fatte sentire. Le previsioni di fine ottobre che stimavano una perdita del 3,5% in termini di traffico passeggeri si sono rivelate ottimistiche. Il risultato finale è infatti molto più pesante, con una diminuzione del 14% . Su tale risultato ha influito sicuramente la decisione di Costa crociere di spostare a Genova alcuni scali programmati al Palacrociere, a causa della presenza a Savona del cantiere per la costruzione della nuova stazione marittima, evitando il più possibile troppe sovrapposizioni di navi nella stessa giornata in porto.

Costa Crociere , dopo l’incidente di un anno fa, e’ meno italiana. Dai posti di comando della società sono stati sostituiti quei dirigenti che una decina di anni fa avevano scelto il porto di Savona, sia per ragioni di tipo economico, sia per la posizione strategica, che offre un facile accesso ai clienti provenienti dagli aeroporti di Nizza o Malpensa. Fortunatamente nel corso del 2013 la situazione dovrebbe migliorare perchè le navi più grandi potranno attraccare lungo la banchina di Calata Borselli e sara’ rimosso il cantiere con l’ ultimazione dei lavori al terminal crociere. Inoltre, una buona notizia è sicuramente la scelta di Costa di effettuare , nel corso dell’ anno, 29 scali della Iberocruceros, brand di Costa Crociere S.p.A. Dopo un anno di comprensibile sbandamento, la situazione sta evolvendo verso la completa normalizzazione, da ogni punto di vista ed il porto di Savona continuerà ad avere un ruolo strategico per il gruppo Carnival.

Stefania Scarone

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: