Attualità

Quel pasticciaccio brutto del “don Aragno” di Legino

Cosi anche questa storia del campo di hockey o per dirla alla ligure questa fӧa do bestento è giunta finalmente alla fine.
E’ una storia lunga e travagliata, tanto lunga e poco lineare che non è possibile riassumerla in poche righe.
Per quello che conta e che vale. Tutto sommato una storia il cui copione era scritto da subito ma che, come nella migliore commedia dell’arte, ha fatto tesoro di cambiamenti , modifiche, aggiunte, abbellimenti ( o abbruttimenti ) con attori che si sono succeduti nella recita tenendo alto il livello della rappresentazione, guadagnando il plauso e la considerazione di quanti hanno sempre creduto nel loro istrionismo e nelle loro capacità dialettiche e affabulatrici.E’ una storia antica, una storia sbagliata.

 

Molti, dentro e fuori Palazzo di Città, fanno finta di non saperlo ma quelli che come il sottoscritto c’erano e l’hockey lo giocavano già per passione e divertimento, (non importa se senza una fissa dimora e oggetto della carità sportiva di questo o quello) sono sempre stati consapevoli che si voleva negare loro, a quei du baccu, una storia e una dignità sportiva e umana.Tant’è siamo ancora qui e qui rimarremo facendoci beffa di quanti credono di scoraggiarci negandoci un luogo fisico e meta per essere, esistere.Certo fa male avere la certezza di essere stati presi per il naso da tutte le amministrazioni comunali di colore e sentore differente da almeno quarant’anni. Molti, troppi hanno promesso la realizzazione di questa struttura sportiva, tutti non hanno mantenuto fede a quanto detto, deciso, deliberato. In un altro paese tutte queste persone avrebbero rassegnato le dimissioni come atto di onestà e ammissione del fallimento del proprio operato, ma in questo, per molti aspetti gradevole e pieno di risorse, il senso del pudore, del tener fede alla parola data non è di certo una priorità etica.Personalmente – ed ero una voce fuori dal coro – non ho mai creduto di calpestare il manto sintetico da hockey in città ma ora non dico “io l’avevo detto” a quanti ritenevano che quella o questa sarebbe stata la volta buona. Non mi sento neppure preso in giro da chi per esempio pensava di determinare il valore del glorioso campo del CSI con la coltivazione di migliaia di stelle natalizie, invero uno strano indice valutativo per determinare il suo valore di mercato. Chissà quante stelle di Natale potrebbe valere la piscina Zanelli, magari fatte crescere con una coltura idroponica assolutamente all’avanguardia. Non si saprà mai.A voi piace essere presi in giro? Io a volte lo trovo divertente, quando so che lo state facendo e quando voi sapete che io so che mi state prendendo in giro.Buon divertimento allora anche a tutti coloro che hanno fatto della negazione di un campo da hockey a Savona una priorità della propria vita politica da vantare come credito in un curriculum più unico che raro.Infine, il ripiego sul Santuario come ultimo, almeno per ora, sito per il campo di hockey, meglio il ritorno al Santuario ( già indicato come luogo adattissimo allo scopo due volte ) è la scelta giusta, miracolistica viste le caratteristiche insite nel luogo stesso: se miracolo religioso vi fu in passato perché non dovrebbe essercene uno laico nel prossimo futuro?

                                                                                                                                                                                                  Luciano Pinna, hockeista dal 1964

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: