Economia

Lavori per 187 milioni non pagati ai costruttori

Il settore dell’edilizia è uno dei più colpiti dalla crisi ed uno di quelli che più soffre per il ritardo dei pagamenti della pubblica amministrazione. Una situazione sulla quale incide pesantemente il patto di stabilità, freno alla capacità di investimento degli enti locali. Secondo un rapporto della Direzione Affari Economici e Centro Studi dell’Ance in Italia sono circa 4,7 i miliardi di euro di pagamenti per lavori già eseguiti dalle imprese e che queste devono riscuotere e il 66% dei ritardi dei pagamenti è dovuto al patto di stabilità.

In Liguria la cifra ammonta a 186,7 milioni di euro; una somma che preoccupa le imprese edili del savonese. “Come Ance stiamo facendo una forte campagna in questo senso – dice Elio Guglielmelli presidente di Ance Savona – e la circolare congiunta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti pubblicata il 23 gennaio 2013 e relativa all’applicazione della direttiva UE sui pagamenti a 30 giorni è un piccolo passo avanti, ma la norma non è applicabile al pregresso, quel pregresso di 186,7 milioni in tutta la regione. L’edilizia è il motore dell’economia locale ma le nostre imprese stanno continuando a chiudere. Saremo costretti ad andare in Algeria per trovare lavoro”. A livello locale tra il 2008 e il 2012 le imprese edili iscritte alla Cassa Edile sono passate rispettivamente da 998 a 750, gli occupati sono passati dai 3.930 del 2007 ai 2.939 del 2011 con 5.873.828 ore lavorate di cinque anni fa contro 4.669.379 ore lavorate nel 2011. “Per il tessuto economico locale è una grave perdita – conclude Guglielmelli – e sul 2013 siamo preoccupati. Le misure da adottare sono la riapertura del credito per accendere i mutui sulle case, la defiscalizzazione del costo del lavoro e lo sblocco del patto di stabilità che impedisce ai comuni virtuosi della nostra provincia di pagare le imprese”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: