Attualità

Accattoni in piazza Mameli a Savona

Piazza Mameli, una delle piazze che formano il cosiddetto salotto buono della città, una piazza centralissima ottocentesca da cui partono la main street di Savona, Via Paleocapa. Per posteggiare in questa bella piazza, occorre più di un euro all’ora. Accanto alle macchinette che stampano i ticket per poter parcheggiare, staziona un omaccione, con un giubbotto di pelle e un berretto di lana, sotto il naso da pugile si vedono dei baffoni neri, la carnagione è olivastra, il tipo è alto e robusto e potrebbe benissimo andare a cercarsi un lavoro manuale ma evidentemente, la fatica fisica lo spaventa, e preferisce chiedere il pizzo agli automobilisti che posteggiano in Piazza Mameli.

Mi avvicino e parlo con una signora che ha appena pagato il biglietto ed è stata avvicinata dal tizio, la donna mi dice che le è stata chiesta una cifra fissa, non una libera oblazione, tre euro per poter posteggiare. Anche se il tipo non profferisce minacce, si capisce che potrebbe accadere qualcosa di spiacevole alla macchina di chi non versa nulla. In effetti vedo che quasi tutti, consegnano all’energumeno una moneta, penso che la sua tattica è quella: chiedere tanto per avere poco, ma sempre un poco sicuro, forse è un seguace di Bersani , “è meglio avere un passerotto in mano che un tacchino sul tetto”. La polizia, interpellata mi dice che l’accattonaggio non è più un reato e quindi se il soggetto non è violento o minaccioso, non commette alcun reato. Amen! Mi fermo a filmare il lavoro, duro e pesante del tipo, e dopo qualche minuto vado a farmi un caffè, mentre mi incammino mi viene la tentazione di chiedere, anche io, qualche spicciolo agli automobilisti che posteggiano per poter bere il caffè, ma poi decido di pagarmelo, visto che non sono ancora arrivato a questi punti.

Roberto Nicolick

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: