Economia

Imprese rosa: più finanza nei corsi di formazione

Più formazione, in particolare orientata alla finanza, e attenzione costante alla realizzazione di progettualità concrete e di servizi rivolti all’imprenditoria femminile. Sono i punti emersi dall’incontro di presidenza del Comitato per l’Imprenditoria femminile della Camera di Commercio riunito la settimana scorsa e dall’esame dei questionari compilati dalle imprenditrici savonesi.

I questionari sono stati sottoposti alle 70 imprenditrici che hanno partecipato ai corsi di formazione organizzati negli ultimi 4 mesi (dalla leadership al web marketing) dal Comitato per l’Imprenditoria Femminile; dai questionari è emerso che le imprenditrici savonesi sentono la necessità di avere una formazione più approfondita nel settore finanziario.
 “Anche se per gli aspetti finanziari e contabili si affidano a dei professionisti – dice la presidente del Comitato Annamaria Torterolo – le  nostre imprenditrici vogliono essere formate anche in questo ambito per riuscire a confrontarsi alla pari con i propri interlocutori. Una richiesta sulla quale lavoreremo e che sarà uno dei temi dei prossimi corsi di formazione. Inoltre ad aprile ci sarà un incontro a Genova, nell’ambito di Unioncamere Liguria, sull’attuazione del rinnovato protocollo sui Cif”. 
Il protocollo d’intesa firmato recentemente tra i ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro con Unioncamere, della durata di tre anni,  conferma l’impegno in corso per rafforzare il ruolo della donna nelle politiche di sviluppo del Paese e recuperare il gap italiano di partecipazione femminile al mondo del lavoro rispetto alla media Ocse e raccoglie, inoltre, le indicazioni che arrivano dalla Commissione Europea in materia di politica industriale. Il documento ridefinisce la mission dei 105 Comitati per l’Imprenditoria Femminile (Cif) presenti presso tutte le Camere di Commercio, che avranno il compiti di: operare per lo sviluppo e la qualificazione della presenza delle donne nel mondo dell’imprenditoria; partecipare alle attività delle Camere di Commercio coniugando lo sviluppo dell’imprenditoria locale in un’ottica di genere; promuovere indagini conoscitive sulle realtà locali per individuare opportunità di accesso delle donne nel mondo del lavoro e, in particolare, dell’imprenditoria; mettere a punto iniziative per lo sviluppo dell’impresa femminile; attivare iniziative per facilitare l’accesso al credito. Il Protocollo, infine, affida ad Unioncamere il compito di realizzare un rapporto triennale sull’imprenditoria femminile e quello della creazione di un Coordinamento regionale dei Comitati presso le 20 Unioni Regionali delle Camere di Commercio, per rendere più fluido il collegamento tra istituzioni centrali e Cif.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: