Economia

Costruzioni: in Liguria 7 mila addetti in meno

Un tavolo permanente sull’edilizia che coinvolga tutti gli assessorati regionali di competenza insieme ai rappresentanti dell’ANCI , dei Comuni maggiori e delle Province liguri per individuare soluzioni in grado di dare respiro al comparto edile. Lo hanno annunciato ieri mattina gli assessori regionali alle politiche abitative e al lavoro, Giovanni Boitano e Enrico Vesco nel corso dell’incontro svoltosi in Regione alla presenza delle organizzazioni sindacali e degli edili che oggi sono scesi in piazza per protestare contro la perdita in Liguria di 7 mila posti di lavoro in tre anni.

“E’ necessario che in un momento di crisi come l’attuale – hanno detto Boitano e Vesco – in cui il comparto dell’edilizia soffre più di altri, si faccia uno forzo tutti insieme perché le risorse disponibili vengano utilizzate per la realizzazione di opere pubbliche e perché le aziende locali possano avere un’ampia presenza nei cantieri”. Il calo vertiginoso sul fronte occupazionale è stato sottolineato anche da Confartigianato Liguria. L’artigianato edile in regione, tra il 2008 e il 2012, ha perso il 16,3% degli occupati, tre punti oltre la media italiana (-13,9%). Gli occupati sono passati dai 52.630 del 2008 ai 44.052 del 2012. I posti di lavoro persi sono stati 8.578, di cui 5.684 rappresentati da “indipendenti”. È quanto emerge dall’ultimo rapporto di Anaepa Confatigianato, secondo cui il crollo occupazionale è stato ancora più marcato per i lavoratori autonomi: quasi il 24% in meno. «Negli ultimi anni – ha dichiarato Paolo Figoli, presidente Costruzioni Confartigianato Liguria – abbiamo assistito all’inesorabile frammentazione del settore edile, già per tradizione composto in Liguria da imprese di piccole e piccolissime dimensioni. Oggi, tuttavia, a prevalere sono le partite Iva, ex dipendenti che s’improvvisano imprenditori, che abbassano la qualità del comparto e contribuiscono ad alimentare fenomeni di concorrenza sleale condizionando la tenuta dell’intero settore». La Liguria è la regione dove si è registra la più bassa presenza di imprese edili artigiane in forma societaria, con un’incidenza dell’11,1% sul totale e un esercito di imprese individuali, ben 21 mila, all’incirca l’89% del totale e una quota del 45,6% di lavoratori autonomi, sul totale degli occupati del settore, che piazza la nostra regione al primo posto per “indipendenti” nell’edilizia. In Liguria, a fare la parte del leone, almeno sul piano numerico, è l’artigianato che rappresenta il 75% dell’intero comparto delle costruzioni con circa 19 mila imprese attive sul totale di 25 mila presenti in regione. A livello provinciale, spicca Genova dove sono oltre 8.700 le realtà attive nell’artigianato edile (su un totale di circa 12 mila); a Savona sono 4.200 (su 5.300), a Imperia 3.700 (su 4.600) e alla Spezia 2 mila (su 3 mila)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: