Attualità

Problemi in discarica: Ramognina “diffidata”

La società Ramognina Ambiente Srl, che gestisce l’omonima discarica per rifiuti solidi urbani nel Comune di Varazze, è stata nuovamente diffidata dalla Provincia di Savona ad effettuare la gestione dell’impianto in modo conforme a quanto previsto dall’Autorizzazione Integrata Ambientale del 2010. Il provvedimento fa seguito ad una relazione inviata da Arpal a conclusione di verifiche e controlli effettuati nel sito di discarica.

In sintesi, è stato accertato che le acque meteoriche non vengono correttamente allontanate attraverso canalizzazioni ma sono fatte scorrere direttamente sulla copertura provvisoria, comportando la creazione di solchi di erosione e principi di smottamento. Una parte di tali acque – aggiunge la relazione – viene inoltre convogliata al sistema di raccolta del percolato causando una miscelazione tra i due tipi di acque. Il deterioramento delle scarpate, inoltre, aumenta le probabilità di infiltrazione delle acque meteoriche nel corpo della discarica, con la possibilità di causare fuoriuscite di percolato. Inoltre i rifiuti, mancando la copertura giornaliera, risultano esposti all’azione degli agenti atmosferici, in particolare del vento e della pioggia.  La Provincia ha fatto rilevare che le inosservanze sono soggette a sanzioni che, secondo la gravità delle infrazioni, vanno dalla diffida alla diffida con sospensione dell’attività autorizzata, sino alla revoca dell’Autorizzazione Integrata Ambientale e alla chiusura dell’impianto. “Considerato che la discarica svolge un servizio di pubblica utilità – è scritto nel provvedimento adottato – , nonostante siano state evidenziate reiterate violazioni si ritiene necessario intervenire ancora con solo provvedimento di diffida senza intervenire contestualmente con provvedimenti di sospensione o di revoca dell’AIA, a condizione che la gestione della discarica sia ricondotta al rispetto delle prescrizioni stabilite”. La società Ramognina dovrà ora intervenire per adeguarsi all’Autorizzazione Ambientale. Tra le prescrizioni da adempiere “dalla data di ricezione del provvedimento” c’è anche quella, “sistematica e inderogabile” di provvedere alla copertura “almeno giornaliera” dei rifiuti abbancati. Entro 150 giorni la società dovrà inoltre trasmettere alla Provincia una perizia giurata che attesti la regolare effettuazione degli interventi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: