Attualità

Valutazione d’impatto per gli scavi Aurelia bis

E’ stato avviato in regione Liguria l’iter di Valutazione di Impatto Ambientale del piano di utilizzo delle terre e delle rocce di scavo provenienti dai cantieri dell’Aurelia bis Albisola Superiore – Savona. Il piano indicato dalla società incaricata della realizzazione dell’opera (Letimbro Scarl, costituita dalla Cooperativa Muratori e Cementista di Ravenna e da Itinera Spa di Tortona) prevede di conferire il materiale al riempimento per la costruzione della nuova piattaforma multipurpose di APM Terminals a Vado Ligure.

Il tracciato dell’Aurelia bis si sviluppa per circa 5,2 km, di cui circa 3,9 in galleria, 460 metri in viadotto e la restante parte in trincea o rilevato. Circa il 95% del materiale che saranno prodotte durante i lavori deriveranno dagli scavi delle quattro gallerie previste: Cappuccini (1.125 metri), San Paolo (2.050 metri), Basci (530 metri) e Grana (190 metri). Gallerie che saranno scavate utilizzando una mastodontica fresa TBM (nella foto), ricorrendo alle tecniche tradizionali (martelli demolitori) solo per la galleria più breve (Grana)e per un piccolo tratto della galleria Cappuccini. Complessivamente sono previsti scavi per 910 mila metri cubi e rilevati per 420 mila metri cubi, con un saldo di materiali in eccesso di 490 mila mc. In realtà, a causa di tempistiche non compatibili, il materiale in eccesso da conferire al porto di Vado è stimato in 650 mila mc. Le gallerie saranno realizzate in progressione a partire da levante (Albisola). Con nastri trasportatori il materiale sarà trasportato sino all’estremità a levante della galleria Grana, in un’area di accumulo in sponda destra del torrente Sansobbia, dove avverrà il ricarico su autotreni, che raggiungeranno Vado Ligure utilizzando l’autostrada tra Albisola e Savona Zinola. Terra e rocce di scavo saranno utilizzate per formare il radicamento a terra della piattaforma portuale, che si estende per oltre 10 ettari.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: