Attualità

Individuato dal Cersaa di Loano il predatore delle api

E’ stato identificato nell’area di Loano dai tecnici del Cersaa il primo esemplare ritrovato in Italia di Vespa velutina, predatore delle api da miele, tipica della provincia cinese dello Yunan e recentemente diffusasi in Europa.  La vespa è stata segnalata in Europa per la prima volta nel 2006, presso Bordeaux, e dal 2007, in seguito ad una serie di segnalazioni che denunciavano il rapido espandersi della Velutina anche verso il confine italiano, sono stati intrapresi i primi monitoraggi effettuati dall’Università di Torino – Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestalie Alimentari per intercettare eventuali ingressi della vespa predatrice in Italia.

A partire dal 2010 l’Università di Torino ha avviato con il Centro camerale di Sperimentazione e Assistenza Agricola (Cersaa) di Albenga la collaborazione per intercettare l’arrivo del predatore delle api da miele, nell’ambito di un più ampio progetto cofinanziato dalla Regione Liguria e Cersaa per “Realizzazione di azioni di monitoraggio territoriale finalizzate all’erogazione di servizi in ambito agro-alimentare”. La collaborazione tra Università di Torino e Cersaa che ha portato, lo scorso novembre al ritrovamento di un esemplare maschio di Vespa velutina; i monitoraggi sono stati fatti posizionando delle trappole in specifiche aree della regione.
Si presume che la Vespa velutina sia arrivata in Europa insieme a merce cinese dello Yunnan; attacca e uccide le api da miele disponendosi nei pressi degli alveari, per poi cibarsene successivamente. Costruisce grandi nidi sugli alberi ed è attiva soprattutto nel periodo estivo fino all’inizio dell’autunno. Questa vespa può diventare una minaccia per l’apicoltura e va attentamente monitorata. Il Cersaa invita gli allevatori che rilevano una diminuzione nella popolazione delle api a farne segnalazione al Centro di Regione Rollo 98 ad Albenga, chiamando il numero 0182554949.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: