Attualità

Controversie: gratuita sino al 31 luglio la domanda di mediazione a Savona

Iniziata ieri, si chiuderà a fine giugno da decima edizione della Settimana della Conciliazione, che quest’anno coincide con il ripristino dell’obbligatorietà della mediazione civile e commerciale, con l’obiettivo di tagliare in Italia almeno un milione e 200 mila cause arretrate nell’arco di cinque anni. In occasione della campagna per la conciliazione 2013, la Camera di Commercio di Savona mette a disposizione di chi intende servirsene un incentivo in più: fino al 31 luglio la procedura sarà gratuita in assenza di adesione della parte invitata.

La mediazione è uno strumento utile ed economico per risolvere contenziosi delle più svariate tipologie, dalla controversia nata tra consumatore (privato cittadino) e azienda in seguito all’acquisto di un bene o all’utilizzo di un servizio, dai contratti di locazione alle successioni e divisioni ereditarie, dalle liti condominiali alle controversie tra aziende. Ma il ricorso al mediatore civile per tentare di trovare un più rapido accordo tra le parti è previsto anche per le banche (contratti finanziari e bancari), le assicurazioni (contratti assicurativi e danni da circolazione), le strutture mediche (risarcimento danno da responsabilità medica) e le società stesse (controversie anche tra soci di una stessa azienda). Dall’obbligatorietà della mediazione resta fuori il risarcimento dei danni causati dalla circolazione stradale o dei natanti. Reintrodotta dal cosiddetto “Decreto Fare” (in attesa di conversione in legge per diventare operativo), la mediazione obbligatoria prevede alcune modifiche rispetto all’impianto precedente. Resta fuori il risarcimento dei danni causati dalla circolazione stradale o dei natanti, si accorciano i tempi entro i quali è necessario trovare un accordo (da quattro a tre mesi), si introduce un incontro “preliminare” con il mediatore, da convocare entro 30 giorni dalla domanda di conciliazione, e si prevedono costi ridotti a carico delle parti (gratuiti presso la Camera di Commercio di Savona sino al 31 luglio) se già nel corso del primo incontro si evidenzi l’impossibilità di trovare un’intesa. Tra le altre modifiche introdotte al precedente ordinamento della materia, il nuovo testo prevede che gli avvocati siano mediatori per legge, senza necessità di dover partecipare ad un corso di formazione per il rilascio della qualifica e, quindi, senza la necessità di ulteriori accreditamenti presso il ministero della Giustizia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: