Attualità

Le Acli contro il gioco d’azzardo

E’ stato presentata lo scorso 21 giugno al palazzo Ducale di Genova “Mettiamoci in gioco”, la campagna di prevenzione contro la diffusione del gioco d’azzardo promossa dalle Acli regionali della Liguria. Un problema troppo spesso sottovalutato, che subdolmente però si sta diffondendo in Italia ed è cresciuto di sei volte nel corso degli ultimi anni, arrivando ad essere riconosciuta come una vera e propria patologia al pari delle dipendenze da droga ed alcool (grazie al decreto Balduzzi del 2012).

Dai dati raccolti tramite un questionario che le Acli hanno somministrato all’interno dei caf, dei patronati e dei centri di formazione professionale si è dedotto quali sono oggi le modalità con cui si gioca: paradossalmente le persone che giocano di più sono quelle che possiedono di meno a livello economico; la loro situazione li spinge a cercare illusoriamente il riscatto rapido tramite la giocata vincente che possa istantaneamente capovolgere il proprio tenore di vita, inoltre non va sottovalutata l’eccitazione che molti giocatori provano a scommettere ed inebriati dalla speranza arrivano a spendere rapidamente i loro guadagni e nelle peggiori ipotesi a compiere crimini per procurarsi il denaro da puntare. La metafora di Pinocchio convinto dal gatto e la volpe a seminare i suoi 5 scellini per poter far crescere la pianta dei soldi rende abbastanza bene l’idea dell’illusione che i giocatori vivono, ma il gioco d’azzardo non è solo una piaga sociale ma nasconde insidie maggiori. Vi è anche poca chiarezza in merito anche dal punto di vista legislativo, come spiegato dall’intervento di Alessandro Costanzo, non solo le grandi città ma anche i piccoli comuni sono in balia del caso, poiché i sindaci hanno le “armi spuntate” e molti provvedimenti proposti vengono invalidati dai giudici a causa di una legge poco chiara sulla questione. Il problema dunque non è banale, anzi, il business del gioco d’azzardo è una vera propria industria che muove circa 90 miliardi ogni anno, che impiega circa 120.000 dipendenti e che viene difesa da potenti lobby. Si intravede comunque un po’ di luce alla fine del tunnel: la proposta di legge numero 574 del 27 marzo 2012 è stata sottoscritta da diversi parlamentari di PD, SEL, SC e M5S e si prospetta come un ancora di salvezza per la regolamentazione del gioco d’azzardo in quanto vieta in maniera assoluta la sua pubblicizzazione, impone l’inserimento di avvertimenti inerenti al rischio che esso comporta (sul modello di quelli presenti sulle sigarette), conferisce ai sindaci l’autorità di approvare o meno tutte le fasi di apertura delle sale gioco ed esse non possono essere situate a meno di trecento metri da luoghi sensibili come scuole, parchi giochi o chiese. Qualcosa dunque si è mosso a livello amministrativo, ma non basta, occorre anche il sostegno dell’opinione pubblica per far si che ci sia un controllo ferreo e regolamentato del gioco, per chi fosse interessato a saperne di più è stato messo on line il sito www.nonèungioco.it dove si possono trovare tutti i dettagli di questa iniziativa, non resta quindi che mettersi in gioco.

Michele Alluigi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: