Attualità

Conferenza stampa sul golpe in Centrafrica

Golpe in Centrafrica, a Savona si fa luce su una crisi dimenticata. Domani alle 12, presso la sala della Curia diocesana in piazza Vescovado a Savona, si terrà una conferenza stampa coordinata dall’Ufficio stampa diocesano, ma convocata unitariamente dalle numerosissime realtà savonesi, laiche e religiose, che operano in Repubblica Centrafricana con l’obiettivo di portare all’attenzione dell’opinione pubblica la grave situazione politica di quel Paese.

Insomma il Centrafrica chiama ed è Savona, con i suoi tanti progetti e missioni, a rispondere! Per la prima volta il Centro missionario diocesano, il gruppo Voci, Emergency, Savona nel cuore dell’Africa, il Centro sportivo italiano, i frati carmelitani, i frati cappuccini, le Figlie di N.S. della Misericordia, gli Ingegneri senza frontiere e la Rete Radie Resch promuoveranno un evento comune per far conoscere ai media, locali e non, e alla cittadinanza la gravissima crisi che sta subendo la RCA a seguito di un colpo di stato che ha sconvolto l’intero paese. Prestigioso ospite dell’iniziativa sarà il magistrato di Bangui Augustin Jérémie Doui-Wawaye, dottore in diritto pubblico con specializzazione in diritti dell’uomo che offrirà la sua preziosa testimonianza diretta. Alla conferenza stampa parteciperanno anche don Antonio Ferri, direttore del Centro missionario diocesano nonché vicario generale, il dottor Marco Anselmo, di “Savona nel cuore dell’Africa”, padre Davide Sollami, procuratore per le missioni dell’Ordine carmelitano, e padre Francesco Vallarino, missionario da oltre 50 anni in Centrafrica. L’incontro sarà moderato da Marco Gervino, responsabile dell’Ufficio stampa diocesano. “Il Centrafrica ha subito un colpo di stato, messo in atto da truppe venute dagli stati vicini: gli atti di violenza e i morti sono stati numerosi, le razzie non sono cessate. La macchina statale, in tutti i suoi apparati vitali, ha smesso di funzionare, la gente è oppressa dalla paura. Strani giochi di potere economico e politico a livello locale ed internazionale, ancora una volta sono giocati sulla testa della gente. Il tutto senza attenzione da parte dei media e dell’opinione pubblica – spiegano i promotori dell’iniziativa in una nota congiunta – per tentare di rompere, almeno un poco questo assordante silenzio, è proposto questo incontro di conoscenza e sensibilizzazione sulla situazione centrafricana, attraverso la testimonianza di una eminente figura della società civile di quel paese, il magistrato Augustine Doui, e di operatori che bene conoscono quella difficile realtà”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: