Attualità

Richiesto l’ampliamento del monastero induista di Altare

La valutazione dello studio preliminare di fattibilità per l’ampliamento e la riqualificazione del monastero induista di località Pellegrino ad Altare è all’ordine del giorno della conferenza dei servizi convocata in Regione Liguria. La riunione è in sede referente e servirà soprattutto ad acquisire la documentazione su cui i vari enti coinvolti nella procedura autorizzativa dovranno esprimersi.

La struttura religiosa induista di Altare, chiamata Gitananda Ashram (nella foto), si trova tra i castagneti dell’Appennino, a circa cinque chilometri dal centro urbano. Si tratta dell’unico tempio in Italia per la comunità induista, uno tra i più grandi ed importanti siti di culto in Europa. Un monastero fondato nel 1984 da un genovese, il maestro Svami Yogananda Giri, del cui nome originario si sono perse le tracce, che negli anni Sessanta aveva soggiornato a lungo in India iniziando a praticare lo yoga. Nel monastero di Altare vivono 13 persone dei quali 6, tutti italiani, si sono fatti monaci dopo aver studiato e vissuto la vera tradizione indù per un periodo minimo di 12 anni. Fuori dal monastero vestono jeans o abito scuro, mentre all’interno indossano un lungo abito arancione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: