Attualità

Troppe responsabilità nelle società sportive dilettantistiche

Che lo sport italiano –sopratutto quello delle Associazioni sportive dilettantistiche- si, ormai, non sull’orlo del collasso, ma gia collassato, lo abbiamo già detto e scritto in più occasioni. Una situazione generale così evidente e lampante che non deve nemmeno più essere commentata ed alla quale è molto più difficile trovare rimedi o soluzioni. Lo sport italiano, quello dei piccoli e medi Club –per intenderci- manca un po’ di tutto: manca di risorse economiche (tutti i rubinetti della Regione, Provincia etc. sono stati chiusi e sigillati), manca di arbitri, manca di programmi, manca di manovalanza gratuita capace di guidare le stesse Società sportive, manca forse anche di idee e di volontà, manca di impianti. Insomma, manca un po’ di tutto!

 

Ma, come tutti gli eserciti piccoli e grandi, anche le “A.S.D.” devono essere guidate da ufficiali preparati e volenterosi, animati da spirito di sacrificio e da una ferrea volontà che … haime! …si sta sempre più affievolendo di fronte ad una massa di problemi da risolvere che i Clubs –che null’altro che sono che piccole aziende- devono affrontare e superare. Ma gli ufficiali (che nei Club sportivi sono i dirigenti) devono, a loro volta, essere guidati e canalizzati dalla figura cardine della stessa Società che è, è non può essere altro, che quella del Presidente. Il Presidente “pro tempore” è, peraltro, e soprattutto il “legale rappresentante”, ovvero quel personaggio che, secondo la Legge vigente, risponde lui e lui solo di ogni accaduto davanti non solo alla propria Federazione sportiva o al C.O.N.I., ma davanti alla Magistratura ordinaria. È lui che firma ogni atto societario, che firma gli assegni, che firma contratti e convenzioni, che stipula e firma i contratti con i collaboratori, è lui che risponde di ogni atto disciplinare commesso dai propri tesserati. Ma chi è questo benedetto Presidente? Viene eletto nell’ambito del Consiglio Direttivo della propria Società sportiva con la promessa dei consiglieri di restare, magari, per un solo anno sportivo del suo mandato e con l’immancabile promessa di un avvicendamento che, però, non si verifica mai. Nasce quindi la figura del ”Presidente storico”, ovvero di quel povero cristo che si trova inchiappettato in una militanza di molti anni assumendosi molto spesso responsabilità più grosse di lui ed a volta inconscio dei veri pericoli che tale presenza comporta. Basti pensare al problema delle visite medico-sportive di cui e super-responsabile qualora accada il fattaccio che un atleta possa star male durante lo svolgersi di un’evento agonistico: è il Presidente che risponde di eventuali irregolarità  rischiando la galera e di pagare lui stesso in solido qualora la visita non sia stata eseguita in un Centro medico-sportivo. Spesso i Club hanno anche centinaia di atleti e il Presidente tutto non può certo fare e controllare: sono i dirigenti e i suoi collaboratori a espletare la maggioranza delle pratiche ed al presidente non resta che fidarsi: a pagare, in caso di errore, però, sarà sempre lui! Non voglio molto soffermarmi sui rapporti con le Famiglie degli atleti/e: famiglie sempre più esigenti e pretenziose, spesso poco disponibili e collaborative , ma sempre pronte a far critiche o alla dirigenza o ai tecnici o alla Società, famiglie e genitori che si levano in difesa dei propri figli anche quando essi hanno chiaramente torto, famiglie che, oggi, condizionano sempre più l’operato della società e allergiche a versare quella “quota associativa” che rappresenta l’unica forma di entrate delle società sportive dilettantistiche. È il presidente che, poi, deve abilmente e sapientemente, venire in contro ad esse non trascurando il buon rapporto con gli allenatori, che, nella vita dei Clubs hanno parte determinante. Ma, il problema maggiore, è quello della cosiddetta contabilità di casa: bollette ed affitti da pagare, utilizzo degli impianti, sportivi utilizzati, rimborso-spese a tecnici e collaboratori, forniture di materiali sportivi e tasse imposte dalle Federazioni per lo svolgimento dei campionati federali. Problemi su problemi che si avvicendano e che si accumulano nell’arco della giornata e della settimana, per non dimenticare contatti con Istituzioni ed enti che rappresentano, con la corrispondenza da tenere, uno degli aspetti più noiosi e antipatici dal momento che la burocrazia sportiva, nonostante l’uso dei mezzi informatici, resta una delle attività che consuma tantissimo tempo. Un tempo che il signor Presidente deve purtroppo e necessariamente togliere alla sua vita personale, alla sua famiglia, alle sue attività anche lavorative.anni addietro a fare ed avere le funzioni di Presidente di una Società sportiva era un onore ed un piacere, un riconoscimento dovuto dopo anni di sport ed attestazione di fiducia da parte del Consiglio Direttivo. Oggi, non è certo così! Il fardello da accettare e sopportare è incredibile, e le “dimissioni” rappresentano –spesso- l’unica possibilità di rientrare in sé stessi e di tornare a svolgere una vita normale e serena non più condizionata dalle problematiche che abbiamo suindicato. Trovare sostituti non è facile, quasi impossibile!: le Federazioni esigono, giustamente, che ogni società sportiva abbia un presidente regolarmente eletto a cui fare riferimento a cui fare riferimento e che sia il garante unico del Club da dover chiamare in causa in ogni problema. Non esiste una “Scuola” per presidenti. Presidenti si diventa con la esperienza e con anni e anni di militanza continua in seno alle Società e dopo aver vissuto in esse esperienze di ogni genere: occorre prima aver fatto l’atleta, poi il genitore accompagnatore, magari il magazziniere, eppoi il segretario e il dirigente. I migliori Presidenti, cioè, vengono dalla cosiddetta “gavetta”. Ma i tempi, oggi, sono cambiati ed anche questa generazione di “veterani” si sta estinguendo: molti lasciano per limiti d’età, altri stanchi e scoraggiati da uno scenario sportivo sempre più squallido e più povero non solo di soldi ma anche di valori e idee. Beata incoscienza! Beati quei presidenti che che continuano a svolgere con orgoglio e passione la loro attività lottando spesso contro tutto e contro tutti, quasi non fossero consci e non a cono scienza delle brutte sorprese che la loro carica comporta e delle responsabilità che ricadono sulle loro spalle. Ma, in realtà, i Presidenti sanno bene chi sono e cosa gli aspetta: è ormai una razza rara ed in estinzione di personaggi che, più o meno con dichiarate ambizioni, vogliono credere ancora nello sport ed arrivare a dei traguardi che si sono prefissi. La cosa più importante? No perseguire gli scopi  ed ambizioni personali, e dare allo sport molto di più i quanto, magari, si è ricevuto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: